Home > Aree di attività > Opinioni

Ecco cosa chiede la finanza ai giovani

Capacità di problem solving e fiuto per gli affari: secondo Roger Abravanel «il segreto è nelle soft skills»


Real Estate, la ripresa parte da Milano

È stato uno dei settori più colpiti dalla crisi, con una riduzione degli scambi di oltre il 10% negli ultimi due anni. Ma negli ultimi tempi è tornato prepotentemente sulla scena finanziaria del Paese, coinvolgendo fondi, banche e privati.


Quando la banca non fa più la banca la risposta è disintermediare

Di Alessandro Sannini
Ceo di Koine Conegliano-Milano-Londra


Le banche specializzate? Più redditizie e solide rispetto alle generaliste

A rilevarlo è lo studio di Excellence Consulting 


Ubs non ha paura della Cina

Il ceo Ermotti punta ad aumentare la presenza nel Paese


I 30 uomini più potenti sulla scena finanziaria italiana

Li ha selezionati il mensile Gq in edicola oggi


M&A A TUTTO PHARMA

di laura morelli


Nei primi due mesi di quest'anno il settore m&a ha decisamente messo il turbo. Lo ha confermato anche Thomson Reuters, secondo il quale le operazioni sono tornate ai livelli del 2007. In particolare, a spiccare in Italia sono stati il farmaceutico e il biomedicale.


CINQUANTA SFUMATURE DI BAD BANK

di laura morelli

Bad bank si, bad bank no, questo è il problema. Anche se il dilemma vero e proprio, che nelle ultime settimane ha coinvolto molti fra i principali protagonisti del mondo della finanza, riguarda soprattutto il come.


FINANCE MANAGER, UNA PROFESSIONE DA 108 MILA EURO L'ANNO

A rivelarlo la ricerca del sito di job hunting Glassdoor pubblicata su Business Insider, che ha stilato la classifica delle 25 professioni più pagate e più ricercate negli Usa. Gli esperti di finanza sono al quinto posto, in prima posizione i medici con uno stipendio di 186 mila euro.


CEO, IL 56% HA PIU' FIDUCIA DEL BUSINESS IN ITALIA

A rivelarlo è il "18th Annual Global ceo Survey" di PricewaterhouseCoopers, che evidenzia la necessità, secondo i manager, di interventi mirati del Governo per un sistema fiscale più efficiente e una maggiore disponibilità di infrastrutture digitali.