giovedì 04 mar 2021
HomeScenariCitel Group, intelligenza meridionale

Citel Group, intelligenza meridionale

Citel Group, intelligenza meridionale

Utilizzare l’intelligenza artificiale per aiutare le imprese e la pubblica amministrazione nel processo di trasformazione digitale, facendo leva sull’ecosistema di professionalità tecnologiche che si è creato in Campania. Citel Group è innanzitutto una bella storia da raccontare. Perché smentisce diversi luoghi comuni. Primo, che l’Italia non sia all’avanguardia nel processo di digitalizzazione. Secondo, che al Sud non si possa fare impresa e non si possa creare occupazione. Terzo, che soltanto le università del Nord producano talenti.

Nata nel 2000 su iniziativa di Fortunato D’Angelo, Citel Group dal 2007 è guidata dai fratelli Valerio e Diego D’Angelo, il primo amministratore delegato e il secondo direttore finanziario.

«Siamo nati e cresciuti nelle telco», racconta Valerio D’Angelo (nella foto), «e ci siamo progressivamente spostati verso altri settori, puntando sull’intelligenza artificiale e sfruttando le interazioni con la software factory di Napoli che si è andata sviluppando attorno alle università campane (Federico II e Università degli Studi di Salerno) e all’Apple Accademy»…

Per proseguire nella lettura, scarica il numero 154 di Mag

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.