domenica 24 mag 2020
HomeScenariEni, banca centrale cinese ha in mano 1,014% capitale

Eni, banca centrale cinese ha in mano 1,014% capitale

Eni, banca centrale cinese ha in mano 1,014% capitale

La banca centrale cinese ha in portafoglio l’1,014% del capitale di Eni.

E’ quanto emerge dall’aggiornamento sulle partecipazioni rilevanti, che tiene conto della delibera Consob del 17 marzo, che ha abbassato all’1% la soglia che obbliga a comunicare le quote detenute nelle blue chip.

People’s Bank of China, la banca centrale della repubblica popolare, potrebbe aver costruito la partecipazione nel gruppo guidato da Claudio Descalzi (nella foto) nel corso del tempo e l’abbassamento della soglia dell’obbligo di comunicazione all’1% l’ha fatta emergere. Ma il crollo del prezzo di Eni, effetto della caduta del petrolio, fa sì che la compagnia italiana diventi appetibile per gli investitori istituzionali, fermo restando che eventuali scalate ostili sono impedite dalla natura strategica del business: il governo interverrebbe con la golden rule.

Dalle comunicazioni Consob, inoltre, emerge che Eni detiene azioni proprie pari all’1,7% del capitale.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.