martedì 27 ott 2020
HomeScenariMediolanum, raccolta 2019 a 4 miliardi. Previsto extra dividendo – AUDIO

Mediolanum, raccolta 2019 a 4 miliardi. Previsto extra dividendo – AUDIO

Mediolanum, raccolta 2019 a 4 miliardi. Previsto extra dividendo – AUDIO

Dividendo cash superiore a quello del 2018 ed extra dividendo, raccolta in crescita e un bonus agli oltre 2.900 dipendenti e ai più 5.000 family banker.

Banca Mediolanum si appresta a chiudere il bilancio 2019 segnando ricavi oltre le aspettative: i dati finanziari saranno annunciati l’11 febbraio prossimo ma intanto l’amministratore delegato Massimo Doris e il presidente Ennio Doris hanno svelato durante la conferenza stampa organizzata a Milano i numeri sulla raccolta: a dicembre 2019 la raccolta netta totale di gruppo è ammontata a 810 milioni, mentre la raccolta netta in risparmio gestito si attesta a 426 milioni. Nell’intero 2019 la raccolta netta totale è invece ammontata a 4,1 miliardi di euro, mentre quella in risparmio gestito a 3 miliardi.


Ascolta di seguito l’intervista a Ennio Doris sul futuro del mercato

 

 

“Ci eravamo prefissati di raggiungere i risultati del 2018, direi che ci siamo arrivati – ha commentato l’ad – la raccolta a 4 miliardi è sicuramente un ottimo risultato anche considerando il confronto con le altre banche o non banche del settore”. Per Doris la differenza principale non è solo nei numeri della raccolta ma anche nella capacità di Mediolanum di fare credito: “Quest’anno abbiamo erogato oltre 2,6 miliardi – continua l’ad – il 21% in più rispetto al 2018 e un dato che è sempre cresciuto anno dopo anno anche durante periodo di credit crunch”.

Tornando ai dati per quanto riguarda il business assicurativo della protezione, la raccolta premi nel mese di dicembre ammonta a 12,1 milioni e a 106 milioni circa nell’intero anno, il 25% in più rispetto al 2018.

Forti di questa crescita e della solidità del gruppo (l’indice è al 18,8%), il gruppo ha deciso di aumentare il dividendo 2019 e applicare un extra ancora da quantificare. “Questo anno si chiederà con risultato importante – dice l’ad – noi sempre stati molto generosi come politica di dividendi che negli ultimi anni è stato di 40 cent per azione. Il nostro obiettivo è creare storia di dividendi in crescita e già a novembre abbiamo versato un acconto a 21 centesimi per azione, superiore ai 20 cent degli anni precedenti. L’impegno per l’anno di bilancio 2019 è pagare dividendo superiore a cui aggiungiamo dividendo straordinario”.

Il gruppo ha anche deciso di stanziare un bonus straordinario complessivo pari a oltre 17 milioni di euro (circa 2mila euro ciascuno) agli oltre 2.900 dipendenti e ai più 5.000 family banker.

Pir attesi a 700 milioni
Per il 2020, la direzione sarà quella di “acquisire nuovi clienti e aumentare le masse”, ha detto l’ad. Per farlo, Mediolanum ha presentato una nuova proposta, e cioè un tasso di interesse del 2% annuo lordo sulle nuove somme vincolate a sei mesi e un canone di tenuta del conto corrente a zero per il primo anno. La promozione sarà valida fino a marzo 2020 e verrà riconosciuta sulle nuove somme che gli attuali e nuovi clienti andranno a vincolare, con un importo minimo di 1.000 euro e un massimo di 500 mila euro. La nuova offerta “non è legata ad esigenze di liquidità ma per attrarre nuovi clienti e nuove somme di denaro per quelli esistenti”, ha precisato Doris.

 

Ascolta di seguito l’intervista a Massimo Doris sui piani di Mediolanum

 

A questo proposito, un’attenzione particolare sarà data anche ai rinnovati Piani individuali di risparmio (pir), attraverso i quali la banca punta a raccogliere circa 700 milioni: “Abbiamo creduto da subito nei pir, un’idea molto buona per portare liquidità alle aziende italiane, ed è andata molto bene, abbiamo avuto afflussi importanti che hanno portato liquidità sia su azioni sia su obbligazioni e incentivato le quotazioni su Aim”, ha detto Massimo Doris. “Ora la legge è stata modificata e abbiamo un parere favorevole e positivo sul cambiamento che è stato fatto”, ha aggiunto, specificando che “provvederemo a fare le modifiche necessarie sui fondi in modo da renderli compliance che poi lanceremo a fine gennaio”. Per Doris questo “è un investimento che ha futuro perché l’Italia ha grandi eccellenze” e perché rientra nel “disegno unico europeo affinché aziende dipendano sempre più dal mercato e meno dalle banche, che continueranno ad aiutare le imprese nelle loro operazioni straordinarie”.

No a fusioni nel breve
Quanto a Banca Mediolanum come player di mercato, alle domande dei giornalisti sul risiko bancario, Ennio Doris ha affermato che per lui “il processo di aggregazione bancaria è solo agli inizi anche perché quando subentra la tecnologia in un settore la riduzione degli operatori c’è sempre”. Allo stesso tempo però Doris senior si sfila dalla partita, sia nel risparmio gestito – dove il gruppo è aperto “a esaminare dossier sulle reti ma non vedo operazioni nel breve termine” – sia per ciò che riguarda un’eventuale fusione con Mediobanca: “La escludo”, ha detto Doris, aggiungendo che “noi non ci diluiamo con nessuno perché la flessibilità che abbiamo internamente è altissima ed ed è uno dei nostri punti di forza”.

A proposito di Mediobanca, Doris si è detto “un azionista felice” perché la banca “non ha i costi pesanti dovuti alla struttura distributiva che hanno le banche tradizionali, ha diversificato moltissimo i ricavi e ha un accesso diretto al mercato del risparmio gestito retail attraverso Chebanca! e quindi ha un futuro secondo me brillante”. La banca “non ha bisogno di fusioni, se il management decide di farne una è perché vede un’opportunità ma non è obbligata”.

In merito al possibile cambiamento dei criteri per la nomina dell’amministratore delegato, con l’apertura anche a manager esterni, Doris si è detto “favorevole”. “Questa è stata una anomalia inserita quando un socio bancario era arrivato al 18%”, ha ricordato, riferendosi allo statuto attuale di Mediobanca, che prevede che l’ad sia scelto fra chi è dipendente della banca da almeno tre anni.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.