giovedì 04 mar 2021
HomeScenariNegentropy Capital Partners, investiti oltre 180 milioni in Italia

Negentropy Capital Partners, investiti oltre 180 milioni in Italia

Negentropy Capital Partners, investiti oltre 180 milioni in Italia

Negentropy Capital Partners, società di private debt specializzata in strategie di investimento alternativo e focalizzata sull’Italia, ha investito oltre 180 milioni di euro dal luglio 2019 a oggi in Italia.

Gli investimenti, si legge in un comunicato, sono stati realizzati da Negentropy attraverso i fondi Special Situation Fund (lanciato nel 2012) e Debt Select Fund (avviato nel 2019); quest’ultimo sta procedendo nel fundraising, dopo un primo closing per 110 milioni di euro, con un obiettivo di raccolta di 300 milioni di euro.

Tra gli investimenti dello Special Situation Fund ricordiamo quello nel Gruppo Immobiliare Ferrucci, con un fondo dell’asset manager londinese Signal Capital Partners Limited, all’interno di un accordo di ristrutturazione del debito ex articolo 182 bis, sottoscritto nel 2016, agendo come advisor e co-investitore dell’operazione. Il valore lordo complessivo del credito era pari a circa 180 milioni, garantito da trenta immobili, situati prevalentemente in Toscana. I consulenti dell’operazione, denominata progetto Morello, sono stati Allen & Overy ed Elexia per gli aspetti legali e fiscali e Ashurst per gli aspetti legali lussemburghesi. Deloitte ha agito come consulente fiscale in Italia e in Lussemburgo.

Quanto a Debt Select Fund, nel febbraio 2020 ha portato a termine il progetto Belvedere, che consisteva l’acquisto di notes senior all’interno di una cartolarizzazione di un portafoglio di npl con un gross book value complessivo di 2,5 miliardi. Ashrust ha agito come consulente legale e Deloitte come consulente fiscale.

Nell’aprile scorso il fondo Debt Select Fund ha sottoscritto l’intera tranche senior emessa nel contesto di un’operazione di cartolarizzazione di un portafoglio di npl del valore lordo complessivo di 1,7 miliardi. Negentropy è stata assistita, per lo structuring dell’operazione, nonché per la negoziazione dei relativi contratti, dallo studio Cappelli RCCD, e da Ashurst per gli aspetti lussemburghesi. Deloitte ha agito come consulente fiscale in Italia e in Lussemburgo.

Nel giugno scorso Debt Select Fund ha sottoscritto un senior secured loan, garantito da un portafoglio composto da 28 immobili, per un valore di mercato superiore a 100 milioni (progetto Brunello). Ashrust ha agito come legal advisor, Deloitte come tax advisor.

Nel novembre scorso Negentropy ha completato l’ultimo processo di cessione, denominato progetto Opera, finalizzato alla valorizzazione del gruppo che fa capo a Fenice Holding in liquidazione, in esecuzione dell’accordo di ristrutturazione del debito (ex articolo 182-bis della legge fallimentare), sottoscritto nel 2016 dalle società del gruppo con i creditori finanziari. La vendita, avviata all’inizio del 2020, ha visto dieci istituzioni finanziarie italiane cedere la partecipazione di controllo a Negentropy. L’operazione è stata strutturata come acquisto delle azioni possedute dalle istituzioni finanziarie in Fenice Holding, nonché come acquisto dei crediti vantati dalle stesse nei confronti del Gruppo FH da parte di un veicolo di cartolarizzazione ex legge 130/99, per un gross book value complessivo di circa 91 milioni. Il team di Negentropy è stato assistito dallo studio Cappelli RCCD per tutti gli aspetti concernenti la cessione dei crediti, da Elexia per gli aspetti relativi la cessione delle azioni e da Deloitte come tax advisor.

La società è inoltre azionista di maggioranza, con il 63% del capitale, di Chili, tech media company proprietaria dell’omonima piattaforma over the top attiva nel settore dei servizi di tv on demand e che conta oltre 4,5 milioni di utenti iscritti.

Negentropy Capital Partners, fondata a Londra nel 2009 da Ferruccio Ferrara (nella foto), è stata tra i primi operatori specializzati in Italia ad operare nel mercato degli npl. La prima operazione risale al 2012, quando, insieme a Deutsche Bank, Pimco e Och-Ziff, la società ha acquisito attraverso un veicolo di cartolarizzazione italiano un portafoglio di npl unsecured del valore lordo complessivo di 1,6 miliardi.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Accesso