giovedì 19 ott 2017
HomeScenariNew Deal Advisors lancia il network di consulenti finanziari Eight International

New Deal Advisors lancia il network di consulenti finanziari Eight International

New Deal Advisors lancia il network di consulenti finanziari Eight International

Venti società di consulenza, tra cui l’italiana New Deal Advisors, per oltre 2.500 professionisti senior dislocati in 20 diversi Paesi.

Si presenta così Eight International, il nuovo network di consulenti indipendenti, specializzati in operazioni straordinarie, ristrutturazioni, in trasformazioni aziendali e servizi forensi, che si pone come alternativa alle cosiddette “Big 4” in determinati servizi, in particolare nei transaction services. Eight International unisce varie societa? indipendenti attive nei loro rispettivi mercati: oltre a New Deal Advisors, fra i promotori dell’iniziativa, per l’Italia figurano anche Eight Advisory (Francia), Eight Advisory UK (UK), Forest Partners (Spagna),  JP Weber (Polonia), Financial Consulting Group (Russia) and Eight Advisory India (India, supportata dalla SKP). 

 

“La maggior parte delle società aderenti al nostro network sono degli spin off delle Big 4 – spiega Mara Caverni (nella foto), managing partner e fondatrice di New Deal Advisors -, ciò riflette a un’esigenza del mercato e degli stessi professionisti di lavorare più a contatto con il cliente, oltre a capirne e intercettarne le esigenze, e di offrire loro un servizio specialistico e tailorizzato. La nostra forte motivazione a seguire meglio i nostri clienti e poter assisterli nel miglior modo possibile in un ambiente indipendente, privo di conflitti di interesse, ci ha quindi portato ad avviare questa alleanza tra professionisti”.

L’offerta di Eight International, che si rivolge a dirigenti, azionisti, fondi di private equity, banche e potenziali investitori nelle operazioni straordinarie e nelle decisioni relative a ristrutturazioni e trasformazioni d’impresa, ricopre aree quali transaction services; ristrutturazioni; valutazioni e financial modelling; forensic & litigation; miglioramento di performance (working capital, factoring ecc.); trasformazione aziendale; cash management; real estate services e servizi d’infrastruttura.

Lo scopo del network e? quello di fronteggiare la crescente richiesta da parte delle imprese di consulenti finanziari e operativi dedicati e specializzati sulle operazioni cross-border: “Si tratta di un modello di business diverso rispetto alle altre società di consulenza – aggiunge Caverni -, il nostro è un approccio consulenziale specialistico e non solo di ‘attest’, ovvero di diagnosi della situazione. Il nostro obiettivo è aiutare il cliente a gestire le criticità e a trovare le soluzioni. Nel caso dei private equity, ad esempio, ciò significa cercare di risolvere nel migliore dei modi le questioni legate ad esempio alla negoziazione, ai contratti, alle tutele e in generale al rapporto con la controparte”.

Per far questo, evidenzia, “i team di lavoro sono composti da professionisti esperti e figure senior di varie nazionalità, tutti coinvolti direttamente sulle operazioni e sui progetti. Ciò ci permette da un lato di mettere a disposizione del cliente tutta l’esperienza professionale di cui disponiamo e dall’altro di far crescere la professionalità dei membri del team con una curva più rapida”.

 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.