giovedì 14 nov 2019
HomeScenariNpl, Banca Ifis e Credito Fondiario abbandonano trattative su partnership

Npl, Banca Ifis e Credito Fondiario abbandonano trattative su partnership

Npl, Banca Ifis e Credito Fondiario abbandonano trattative su partnership

Niente da fare: Banca Ifis e Credito Fondiario hanno deliberato di non proseguire nelle trattative su una partnership nella gestione dei crediti non performing in ragione delle difficoltà incontrate nella definizione di un accordo negoziale soddisfacente per entrambe le parti in termini di assetti di governance.

Il naufragio del negoziato – ufficializzato da due comunicati – era nell’aria e pareva già delineato un mese fa, quando le parti decisero di allungare i tempi delle trattative e ridimensionare il perimetro dell’eventuale accordo.

Ora l’ufficializzazione dell’abbandono del negoziato. “Il mercato dei non performing loans è e rimane strategico per Banca Ifis”, spiega in una nota Luciano Colombini (nella foto), amministratore delegato del gruppo veneto. “Il nostro obiettivo è mantenere le condizioni per continuare a generare valore in futuro anche in presenza di un contesto regolamentare in evoluzione, continuando a investire nell’acquisto di portafogli e nell’attività di servicing”.

Nella nota di Credito Fondiario si parla di “difficoltà incontrate nel definire un accordo strategico soddisfacente… sul fronte degli assetti di governance della piattaforma oggetto di un eventuale accordo”.

Interpellato da Financecommunity qualche giorno fa, il direttore generale di Credito Fondiario, Iacopo De Francisco, non aveva voluto dire nulla sull’andamento delle trattative, sebbene dal suo tono trapelasse una nota di pessimismo.

Nella nota, De Francisco afferma: “Restiamo convinti delle opportunità di consolidamento che il settore del servicing in Italia in questo momento offre. Continueremo a proporci come soggetto aggregante con un ruolo attivo sul mercato, finalizzato anche a realizzare accordi con altri operatori nel settore del debt servicing e del debt purchasing. Allo stesso modo, rimane oggetto di attenta valutazione l’opportunità di portare Credito Fondiario in Borsa per accelerare ulteriormente il percorso di crescita della banca”.

Con un comunicato separato, Banca Ifis annuncia di aver perfezionato l’acquisto del 10% del capitale sociale della società controllata Fbs – detenuto dai soci di minoranza Paolo Strocchi, Elena Paola Ruo e Giorgio Fedocci – per un corrispettivo complessivo pari a 12,2 milioni di euro. Banca Ifis diviene così l’azionista di Fbs; quest’ultima verrà integrata nel gruppo.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.