mercoledì 14 nov 2018
HomeOPAAl via l’opa di F2i-Mediaset su Ei Towers

Al via l’opa di F2i-Mediaset su Ei Towers

Al via l’opa di F2i-Mediaset su Ei Towers

Prende il via oggi 27 agosto, fino al 5 ottobre, l’opa di F2i sgr e di Mediaset su Ei Towers, la società quotata allo Star che possiede le torri di trasmissione tv della stessa Mediaset.

Come noto, l’opa, annunciata lo scorso 16 luglio (leggi su financecommunity.it gli advisor in campo), sarà condotta attraverso la newco 2i Towers srl, a sua volta controllata al 100% da 2i Towers Holding, che è partecipata per il 40% da Mediaset e per il 60% da F2i TLC 1 srl. Il prezzo è di 57 euro per azione, con un premio del 15,6% sul prezzo di chiusura di ieri di 49,3 euro, per un valore complessivo di 1,61 miliardi di euro.

L’offerta è condizionata al raggiungimento del 90% del capitale, ma 2i Towers si è riservato la facoltà di rinunciare alla condizione e di acquistare un quantitativo di azioni inferiore al 90% del capitale sociale purché, a esito dell’offerta e tenuto conto degli acquisti eventualmente effettuati al di fuori dell’offerta, direttamente o indirettamente, venga a detenere una partecipazione superiore al 61,30%.

L’obiettivo dell’operazione è il delisting della società per rafforzare le prospettive industriali e reddituali di EiTowers, anche passando da una progressiva separazione e distinzione proprietaria tra società che detengono asset infrastrutturali di telecomunicazioni e società erogatrici di contenuti televisivi e/o di servizi telefonici, dinamica già da tempo avviata positivamente a livello internazionale.  Se il delisting non venisse raggiunto a esito dell’opa, 2i Towers si riserva la possibilità di portare comunque via dalla Borsa Ei Towers tramite fusione per incorporazione di Ei Towers in 2i Towers oppure nella controllante 2i Towers Holding srl, entrambi veicoli societari non quotati. In questo caso l’operazione si qualificherebbe come “fusione con indebitamento” tipica delle operazioni di leveraged buyout, tenuto conto dei finanziamenti soci concessi dalla holding a 2i Towers e dell’indebitamento assunto dalla holding ai fini dell’offerta. L’operazione verrà finanziata in parte con una linea di credito sino a 480 milioni di euro messa a disposizione da Intesa Sanpaolo, Mediobanca e Unicredit a favore di 2i Towers Holding.

Per il resto, il capitale arriverà direttamente dai soci di 2i Towers Holding. In particolare, ha detto l’amministratore delegato di F2i sgr, Renato Ravanelli (nella foto), in un’intervista, F2i investirà circa 700 milioni di euro di equity nell’operazione con il suo terzo fondo che a settembre chiuderà la raccolta a quota 3,6 miliardi. Tra gli investitori, come già dichiarato a dicembre in occasione del primo closing, ci sono il GIC di Singapore e il fondo pensione canadese PSP Investments. 

Ei Towers ha chiuso il primo semestre 2018 con 135,4 milioni di euro di ricavi, dopo 262,9 milioni in tutto il 2017, con un ebitda rettificato di  69,8 milioni nei sei mesi e di 133,6 milioni nell’intero 2017 e con un debito finanziario netto di  360,7 milioni a fine giugno da 317,7 milioni a fine dicembre 2017.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.