giovedì 19 ott 2017
HomeOPABanca Imi e Unicredit con Marchi nel riassetto di Save

Banca Imi e Unicredit con Marchi nel riassetto di Save

Banca Imi e Unicredit con Marchi nel riassetto di Save

Prende il via il riassetto di Save, la società che gestisce gli aeroporti di Venezia e Treviso. Dopo l’ok di Banca d’Italia arrivato nei giorni scorsi ieri 9 agosto è stato firmato il closing del nuovo assetto azionario che vede liquidato il socio storico Andrea De Vido e l’ingresso nel capitale dei fondi Deutsche Asset Management e Infravia, sotto la guida del presidente di Save Enrico Marchi, assistito da Banca Imi e Unicredit in qualità di advisor finanziari.

Agorà Investimenti, da oggi interamente controllata da Milione, a sua volta controllata congiuntamente dai fondi che fanno a capo a Leone e Infra Hub e da SV87 (il cui capitale è detenuto interamente da FinInt, controllata indirettamente da Marchi) lancerà come previsto un’offerta pubblica d’acquisto totalitaria a 21 euro per azione, con un esborso massimo da circa 457 milioni di euro. Opa che, se tutto va secondo i piani, dovrebbe partire a settembre.

Nel dettaglio, si perfezionerà infatti da parte dei nuovi azionisti l’acquisto del 43,09% del capitale di Agorà da Star Holding, società controllata indirettamente da Morgan Stanley Infrastructure in modo da portare Milione al 100% del veicolo che controlla il 60,68% di Save e che promuoverà l’offerta sulla restante quota del 39,32%. Allo stato attuale, si legge nella nota, Milione ha un assetto azionario che vede i due fondi al 40,47% ciascuno, mentre il 19,07% fa capo a Marchi. Nell’azionariato di Save c’è anche Atlantia della famiglia Benetton con il 21%, entrata nel settembre scorso pagando 14,75 euro per azione.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.