domenica 17 nov 2019
HomeCorporate Finance/M&ACdp e Poste chiudono l’acquisto delle quote di Sia da F2i, Hat, Intesa e Unicredit

Cdp e Poste chiudono l’acquisto delle quote di Sia da F2i, Hat, Intesa e Unicredit

Cdp e Poste chiudono l’acquisto delle quote di Sia da F2i, Hat, Intesa e Unicredit

Cassa depositi e prestiti, attraverso Cdp Equity, e FSIA Investimenti, società posseduta per il 70% da FSI Investimenti (a sua volta controllata da CDP Equity con una quota del 77%) e per il 30% da Poste Italiane, chiudono l’acquisto delle quote azionarie di Sia, la società dei sistemi di pagamento, possedute da F2i, HAT, Intesa Sanpaolo e Unicredit.

Vitale & Co (Roberto Sambuco) ha ricoperto il ruolo di advisor finanziario dei venditori.

In particolare, CDP Equity ha acquistato da F2i Reti Logiche il 17,05% e da Orizzonte Infrastrutture Tecnologiche (veicolo interamente posseduto da HAT, private equity guidato da Ignazio Castiglioni e Nino Attanasio) l’8,64% di SIA, diventando così titolare del 25,69% della società, mentre FSIA ha acquisito le quote detenute da Unicredit e Intesa Sanpaolo, pari al 3,97% ciascuno, salendo nell’azionariato dal 49,5% al 57,5%.

“Cdp continuerà nella strategia di sviluppo e rafforzamento di Sia poiché quello dei pagamenti e delle transazioni finanziarie è un settore strategico e a forte carattere di innovazione”, ha commentato  Pierpaolo Di Stefano (nella foto) – Chief Investiment Officer di CDP e Ceo di CDP Equity. In particolare, ha aggiunto, “l’acquisizione di queste ulteriori quote azionarie è anche funzionale alla scelta delle opzioni strategiche più efficaci al fine di massimizzare il valore dell’investimento, le ricadute tecnologiche per il Paese e lo sviluppo di posti di lavoro in Italia”.

Opzioni che, come noto, potrebbero includere una fusione con Nexi o la quotazione in Borsa. Eventualità che lo stesso ceo della società Nicola Cordone non ha escluso. Intervistato dal Corriere della Sera, a una domanda sul futuro della società con l’ingresso di Cdp Cordone ha commentato: “Nell’ambito della missione di Cdp di guidare le aziende italiane all’estero, possiamo quindi giocare da protagonisti nel processo di consolidamento in corso in Europa. Siamo un’azienda unica: gestiamo pagamenti, carte, rete, blockchain, c’è quindi un grande potenziale per agire come consolidatori e non lasciare il mercato europeo agli americani. Nel frattempo è però per noi prioritario preparare l’azienda ad una quotazione, per valorizzare al meglio l’investimento dei nostri azionisti nel contesto di qualsiasi operazione di consolidamento”.

 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.