Il gruppo tlc Intred verso la Borsa con Integrae Sim

Parte oggi il roadshow di Intred, operatore tlc specializzato nella connettività delle reti e servizi cloud e attivo nella Lombardia orientale, finalizzato alla quotazione sul mercato AIM Italia di Borsa Italiana.

Nel processo di quotazione Intred è assistita da Integrae SIM (nominated adviser e joint global cordinator), Banca Profilo (joint global coordinator), Credito Lombardo Veneto (co-lead manager), Banca Valsabbina (co-lead manager) ed EpYon Audit & Consulting (financial advisor).

Fondata nel 1996 da Daniele Peli, attuale presidente e ad della società, Intred oggi possiede una rete in fibra ottica di oltre 1.500 chilometri, 130 centrali, due Data Center, una rete wireless con 42 stazioni radio e un sistema di centrali telefoniche direttamente interconnesso con la rete telefonica nazionale. La società ha archiviato il 2017 con un valore della produzione di 14,8 milioni e un Ebitda a 5,7 milioni. La posizione finanziaria netta ammontava a 4,1 milioni al 31 dicembre del 2017. Le positive performance di Intred sono dovute in larga parte dall’espansione della rete esistente, con particolare focus sulla banda ultra-larga; le crescite esponenziali negli anni sono state conseguite anche grazie all’ingresso, nel 2012, nel mercato dell’utenza residenziale con il marchio EIR, che ha consentito ad Intred di quintuplicare a fine 2017 il numero clienti a quota 21.600 circa, previsto in ulteriore crescita per il 2018.

L’offerta consiste in azioni derivanti da un aumento di capitale fino a 10 milioni, più una greenshoe pari al 10% dell’offerta e la forchetta di prezzo è stata fissata tra un minimo e un massimo di 2,27 e 2,80 euro per azione. La capitalizzazione pre-money della società sarà compresa tra 26 milioni e i 32 milioni. Ai dipendenti verrà riservato uno sconto massimo del 10% fermo restando il prezzo minimo di sottoscrizione di 2,27 euro ad azione.

Gli azionisti della società hanno inoltre destinato fino al 15% delle azioni ordinarie possedute prima dell’Ipo al servizio di un meccanismo di “price adjustment share” qualora non venga raggiunto dalla società il target Ebitda 2018 pari a 6,5 milioni. Nell’ipotesi di integrale esercizio dell’opzione greenshoe e del meccanismo di price adjustment share il flottante sarà del 34% circa.

Le risorse saranno utilizzate per “dotare la società delle risorse necessarie per proseguire nel percorso di sviluppo e ampliare maggiormente la nostra offerta in termini di infrastruttura e di conseguenza anche commerciale”, spiega nella nota l’ad.

Il gruppo tlc Intred verso la Borsa con Integrae Sim

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram