sabato 19 ott 2019
HomeScenariRisparmiatori italiani sensibili a principi Esg. Stracciate Norvegia e Gran Bretagna

Risparmiatori italiani sensibili a principi Esg. Stracciate Norvegia e Gran Bretagna

Risparmiatori italiani sensibili a principi Esg. Stracciate Norvegia e Gran Bretagna

L’Italia si conferma in prima linea nell’attenzione agli investimenti che incorporano i principi Esg (environmental, social, governance).

Secondo un sondaggio commissionato da Vontobel Asset Management, che ha coinvolto 4.600 persone in 14 paesi, a livello globale solo il 29% degli intervistati ha preso decisioni di risparmio e di investimento secondo logiche di sostenibilità. In Italia, la percentuale destinata a questo tipo di investimento è una delle più alte, con il 41%.

Il 59% degli intervistati, si legge in un comunicato di Vontobel, non sa nemmeno che un approccio Esg al risparmio e all’investimento sia possibile. E sorprende che i meno propensi ad investire avendo come faro la sostenibilità, ambientale e sociale, siano i risparmiatori norvegesi (15%), in palese contraddizione con gli investimenti del fondo sovrano di Oslo, e britannici (18%).

L’Italia è sopravanzata dal solo Brasile, con una percentuale del 44% di risparmiatori coscienti dei principi Esg, e tallonata dai Paesi Bassi (36%).

Lo studio dimostra che gli investitori sono interessati ad adottare un approccio Esg e hanno bisogno di sostegno e consulenza per trasformarlo in un processo decisionale finanziario. In particolare, il 47% dei partecipanti afferma di desiderare maggiori informazioni dagli intermediari. Solo il 17% dei partecipanti all’indagine, però, ha ricevuto una proposta da un consulente in merito alle opportunità Esg. La percentuale in Italia sale di poco, al 18%.

Lo spazio per crescere, dunque, c’è ed è tanto. Lo testimonia il fatto che, secondo il sondaggio, gli investitori italiani sarebbero disposti a destinare il 49% di un ipotetico portafoglio di 100mila euro a investimenti in linea con questi principi.

“Dobbiamo dimostrare che Esg non sacrifica la performance”, sottolinea Matteo Villani (nella foto), responsabile di Vontobel Asset Management Italia. “Infatti, investire in aziende che affrontano aspetti sostenibili è in grado di mitigare i rischi ed è più redditizio nel lungo termine”.

Lo studio, infatti, mostra che il 23% degli intervistati italiani ritiene che le aziende che si comportano in modo etico saranno più redditizie nel lungo termine. Inoltre, in Italia, la percentuale di risparmiatori che affermano che abbandonerebbero l’investimento in un’azienda se non si comportasse in modo etico è del 43%.

Vontobel Asset Management ha costantemente ampliato le attività di investimento sostenibile: al 30 giugno scorso aveva un patrimonio gestito destinato a investimenti sostenibili pari a 26 miliardi di euro.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.