Robustelli (Intralinks): “Nell’m&a efficienza e sicurezza dei dati elementi imprescindibili”

«Il contributo che un’azienda come la nostra può dare in un momento di incertezza come quello attuale è garantire lo scambio di informazioni in modo sicuro e tracciabile», spiega a Financecommunity InterViews Alfonso Robustelli (nella foto), responsabile in Italia di Intralinks, società che fornisce soluzioni tecnologiche al settore finanziario per la gestione e condivisione dei dati. In questo senso, racconta, «una delle iniziative è stata quella di fornire gratuitamente la nostra piattaforma a tutti i nostri clienti, advisor finanziari e legali, banche e corporate, in modo che potessero  condividere i loro documenti in sicurezza nel momento in cui tutti loro lavoravano in smart working».

Nella fase di lockdown totale, infatti, «con tutti i lavoratori operativi da casa ci sono state situazioni in cui le Vpn non funzionavano o erano sovraccariche. Qui una piattaforma in cloud come la nostra ha potuto dare una mano a proseguire l’operatività quotidiana ma anche ad esempio, in Italia, facilitando la comunicazione cross-team in alcune banche. A livello globale, poi, siamo intervenuti nell’ambito del piano Salva Usa lanciato dal presidente Donald Trump occupandoci di efficientare lo scambio di informazioni tra le banche con le piccole e medie imprese del Paese».

ASCOLTA QUI IL PODCAST

 

La sicurezza e la tracciabilità dei dati «sono i temi principali emersi con l’aumento dello smartworking durante il lockdown», osserva Robustelli, per il quale «lo scambio e lo storage di documenti in sicurezza sono sempre stati in realtà degli elementi critici ma oggi più di prima l’efficienza e l’efficacia in termini di sicurezza di piattaforme come le nostra sono ormai aspetti imprescindibili per i clienti e per la loro attività, a partire dall’m&a». In questo senso, «noi cerchiamo di risolvere il problema controllando attivamente chi gestisce le informazioni abilitando la condivisione di determinati documenti ad esempio solo tra determinati utenti».

 

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram