Speciale Pnrr: Recovery Plan in Italia, riforme e investimenti

Pnrr, l’ultimo treno per il rilancio del Paese. Il Recovery Plan in Italia, tra riforme e investimenti. Parlano i protagonisti.

«Il Pnrr è l’ultima possibilità per il nostro Paese di tornare a crescere stabilmente. Ma noi viviamo in una bolla politica nella quale si consumano ritualità da Prima e Seconda Repubblica, che nulla hanno a che vedere con il senso di urgenza che il Piano nazionale di ripresa e resilienza possa essere realizzato. Questo è l’effetto del momento: siamo bravissimi nel rimuovere la sostanza dei problemi e nell’occuparci della loro superficie». A dare la scossa, senza troppi giri di parole, ci pensa Ferruccio De Bortoli. La firma del Corriere della Sera apre la serie di incontri e tavole rotonde che hanno caratterizzato la Financecommunity Week 2021.

Quello di De Bortoli è un monito a non abbassare la guardia: «Le prospettive sono ovviamente positive, nel senso che non abbiamo mai avuto condizioni così favorevoli. Ma sta succedendo qualcosa di preoccupante: c’è la sensazione diffusa che il Pnrr sia stato già di fatto applicato e che sia inevitabile che produrrà tutta una serie di effetti positivi. Ma questo non è assolutamente vero. Rischiamo che a un certo punto l’Ue ci dica: “Non siete in grado di rispettare alcune specifiche disposizioni e raccomandazioni. Noi una rata non ve la paghiamo”. E allora ci sarà una resa dei conti», avverte De Bortoli.

Il giornalista ha partecipato al confronto – moderato dal direttore di MAG e Legalcommunity, Nicola Di Molfetta – con Orlando Barucci, managing partner di Vitale. Anche quest’ultimo invita a non sedersi sugli allori: «Le prospettive sono in teoria eccezionali per l’Italia. Tanti soldi assicurati nei settori giusti per i prossimi quattro anni. Il punto è capire la capacità di mettere a terra questo denaro in investimenti che non siano solo cattedrali nel deserto, ma che facciano da volano per gli anni successivi. Vedremo la capacità reale dell’Italia e del governo e di tutte le amministrazioni pubbliche, il prossimo anno che è l’anno di prova, nel farlo o no», afferma Barucci.

LEGGI TUTTO LO SPECIALE SULLA FINANCECOMMUNITY WEEK 2021 SU MAG. CLICCA QUI E SCARICA LA TUA COPIA GRATUITA

Il tentativo di andare oltre la superficie e occuparsi della “sostanza dei problemi”, lo hanno messo in atto i protagonisti della conferenza “Italy’s Recovery Plan: Reforms and Investments”. Un alternarsi di esperienze e prospettive. A partire dalla voce dell’impresa a partecipazione pubblica, con Giovanna Della Posta, ceo di Invimit che invita a non perdere «un treno importantissimo, che dobbiamo prendere e su cui ci dobbiamo sentire tutti coinvolti». Anche il ceo di Poste Italiane, Matteo Del Fante, chiama tutti a raccolta: «Ciascuno di noi deve fare del proprio meglio per dare un contributo a questa sfida nazionale che, senza troppa enfasi, è veramente epocale». «L’enfasi –afferma nel suo intervento Del Fante – ci vuole tutta. Investire bene soldi e risorse che arrivano è fondamentale, per noi e per chi viene dopo di noi. Tutta l’Europa ci guarda».

Al dibattito hanno partecipato anche Fabrizio Pagani, global head of economics and capital market strategy di Muzinich & Co, Giuseppe Castagna, ceo di Banco BPM e Corrado Passera, founder e ceo di Illimity. Gregorio Consoli, managing partner di Chiomenti, rivendica il ruolo di mediazione, anche in questa fase storica, degli avvocati d’affari: «Gli studi legali sono sulla frontiera tra teoria e pratica, sulla frontiera tra investitori e “Paese reale”». Infine, Roberto Sambuco, partner di Vitale, ha tenuto il discorso di chiusura e presentato l’intervento in collegamento del ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, Enrico Giovannini.

Speciale Pnrr: Recovery Plan in Italia, riforme e investimenti

Financecommunity.it

Lanciata nel maggio 2014, la testata si rivolge a bankers, fondi di private equity, operatori del real estatee SGR.
La testata, al livello di contenuti, si focalizza sul mercato finance, ovvero sugli spostamenti e cambiamenti di poltrona, le operazioni e relativi advisors, piuttosto che su approfondimenti e dati analitici sull’evoluzione del mercato.
 
Financecommunity.it ha visto crescere molto rapidamente il numero di lettori e di professionisti che intervengono e danno il loro contributo.
 

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

FINANCECOMMUNITY S.R.L. - Via Leone Tolstoi 10 - 20146 Milano–Tel.+39 02 36727659 - C.F./P.IVA 10160150966
REA 2510285 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 10.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram