AMF (Alpha) compra Mimest con Deloitte ed ERM

AMF acquisisce Mimest, azienda attiva nella realizzazione di componentistica in metallo
mediante la tecnologia metal injection molding (Mim)

AMF è stata assistita nell’operazione da Deloitte ed ERM.

Con l’acquisizione di Mimest, il gruppo AMF, che ha chiuso il 2019 con un fatturato di
53 milioni ed è controllato dall’operatore di private equity Alpha, si legge in un comunicato, “diviene il primo produttore di accessori in metallo per il settore fashion and luxury ad integrare a livello industriale la tecnologia del metal injection moulding, intercettando così la crescente richiesta di prodotti in acciaio da parte delle principali luxury firms internazionali”.

A vendere sono stati i soci fondatori e SDN Holding. Matteo Perina e Rudj Bardini, attuali manager di Mimest, continueranno a guidare la società in coordinamento con AMF.

Con sede ad Avio (Trento), Mimest ha archiviato il 2019 con un fatturato di 4,3 milioni.

La nota sottolinea che la transazione è avvenuta alle stesse condizioni pre-Covid.

Alpha è un operatore di private equity con 2 miliardi di euro in gestione, specializzato in
operazioni di mid-cap in Europa continentale. In Italia (dove l’ufficio è guidato da Edoardo Lanzavecchia, nella foto), oltre ad AMF, Alpha ha in portafoglio Laminam (lastre ceramiche di grande dimensione), Caffitaly (produce sistemi macchina/capsula per il caffè espresso), Calligaris (arredamento living & dining di alta gamma dal design italiano), Remazel Engineering (progetta e realizza equipaggiamenti speciali per il settore oil&gas), Optima (multiutility con offerta integrata di energia e telecomunicazioni) e Savio (macchine per la roccatura e il controllo della qualità dei filati).

AMF (Alpha) compra Mimest con Deloitte ed ERM

Noemi

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram