Barclays advisor di Eni nella cessione delle attività in Pakistan

Affiancata da Barclays, Eni ha raggiunto un accordo per la cessione delle proprie quote nelle attività in Pakistan a Prime International Oil & Gas Company, una società di nuova costituzione formata da un team di ex dipendenti locali del colosso oil italiano e da Hub Power Company, il principale produttore di energia elettrica
pakistano.

Le attività cedute consistono in partecipazioni in otto licenze di sviluppo e produzione nei bacini Kithar Fold Belt e Middle Indus e quattro licenze di esplorazione nei bacini Middle Indus e Indus Offshore. A oggi le principali attività di Eni nel paese consistevano in partecipazioni nei giacimenti di Bhit/Badhra (con una quota del 40%) e Kadanwari (18,42%). Altre partecipazioni erano nei permessi Latif (con una quota del 33,3%), Zamzama (17,75%) e Sawan (23,7%).

L’accordo si inserisce nella strategia del gruppo guidato da Claudio Descalzi di ridefinire e semplificare il portafoglio upstream dell’azienda, estraendo ulteriore valore dagli asset strategici e dismettendo le attività non core, come stabilito dal piano strategico quadriennale 2021-2024.

Barclays ha agito in qualità di advisor di Eni nell’operazione di dismissione con un team composto da Andrea Pederzoli (nella foto), Director; Davide Supino, Vice President e Nicola Brussolo, Analyst.

Barclays advisor di Eni nella cessione delle attività in Pakistan

Noemi

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram