Mediobanca e Deutsche Bank nell’operazione tra Enel e Macquarie per la quota in Oper Fiber

Enel ha firmato nella tarda serata di ieri i contratti relativi alla cessione dell’intera partecipazione detenuta in Open Fiber a Macquarie Asset Management. La quota è pari al 50% del capitale della società per un totale di 2,650 miliardi di euro.

Deutsche Bank ha lavorato come advisor di Macquarie con Giuseppe Baldelli (nella foto a sinistra). Anche Barclays e Macquarie Capital sono stati advisor dell’acquirente.
Mediobanca ha invece agito in qualità di Sole financial advisor di Enel, con il team di Alessandro Leone (nella foto a destra), Filippo Lo Franco e Cecilia Bufano.


In particolare, il contratto relativo alla vendita del 40% di Open Fiber, è stato siglato per 2,120 miliardi di euro. La somma include il trasferimento dell’80% della porzione Enel dello shareholders’ loan concesso a Open Fiber, comprensivo degli interessi maturati. Il contratto prevede inoltre che il valore concordato aumenti del 9% annuo calcolato a partire dal 1° luglio 2021, fino al closing dell’operazione.
L’accordo relativo alla cessione a Cdp Equity del 10% del capitale di Open Fiber prevede a sua volta un corrispettivo di 530 milioni di euro che include il trasferimento a Cdp Equity del 20% della porzione Enel dello shareholders’ loan concesso ad Open Fiber, comprensivo degli interessi maturati.
I due contratti sottoscritti prevedono inoltre il riconoscimento a favore di Enel degli earn-out, legati ad eventi futuri e incerti. Il perfezionamento della cessione a Macquarie Asset Management e Cdp Equity dell’intera partecipazione detenuta da Enel in Open Fiber è atteso nel corso dell’ultimo trimestre del 2021.
Il closing è però subordinato a una serie di condizioni. Una di queste è l’ottenimento, da parte delle banche finanziatrici di Open Fiber, dei waiver necessari al trasferimento a Macquarie Asset Management del 40% del capitale di Open Fiber detenuto da Enel. E’ poi necessario avere le autorizzazioni amministrative propedeutiche al trasferimento a Macquarie Asset Management e Cdp Equity dell’intera partecipazione detenuta da Enel, con particolare attenzione alla procedura in materia di golden power da parte della Presidenza del Consiglio dei ministri e all’autorizzazione dell’Antitrust a Bruxelles.

Mediobanca e Deutsche Bank nell’operazione tra Enel e Macquarie per la quota in Oper Fiber

eleonora.fraschini@lcpublishinggroup.it

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram