Finnat, due ingressi nel private banking

Banca Finnat rafforza il team di private banking nel nord Italia con l’ingresso di Daniele Piccolo (nella foto) e di Simone Bordoni.

Piccolo lascia Banca Cesare Ponti dove era direttore generale. Ha esperienza maturata nel Gruppo Credem e proseguita in Banca Albertini Syz.  In Banca Finnat assume la responsabilità del private banking nel nord Italia.

Bordoni, 42 anni lascia anche lui la direzione grandi patrimoni di Banca Cesare Ponti dopo essere stato responsabile del servizio Advisory in Banca Albertini Syz. In Banca Finnat sarà direttore del Family Office nel nord Italia.

Banca Finnat,  quotata al segmento Star di Borsa Italiana e con un Total Capital Ratio del 28,9%, conta oggi masse totali per 14,4 miliardi di euro, un team di 40 private bankers distribuiti fra Roma, Milano e Novi Ligure e una raccolta netta del Private Banking di oltre 500 milioni da inizio anno.

Oltre ad essere attiva nel private banking, la banca opera nell’advisory & corporate finance, in particolare sul mercato AIM in qualità di Nomad, Global coordinator e Specialist , ne settore fiduciario, con servizi di family e corporate governance, nell’asset management, con una management company a Lussemburgo e una fiduciaria di gestione in Svizzera, e nella gestione dei fondi immobiliari attraverso InvestiRE Sgr, dove con asset under management di oltre 7 miliardi è il secondo operatore in Italia.

 

Finnat, due ingressi nel private banking

Noemi

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram