Il fintech italiano cresce durante la pandemia: i dati dell’Osservatorio PwC

È quanto emerge dal quarto Osservatorio FinTech PwC in Italia che ha coinvolto oltre 400 aziende, di cui 300 FinTech e 100 Techfin. “Nonostante la pandemia, il Fintech italiano è cresciuto: sono circa 50 le nuove aziende rientrate nell’Osservatorio PwC 2021, di cui oltre 20 quelle nate nel 2020 e nei primi mesi del 2021. Di 30 aziende non rientrate nell’analisi di PwC quest’anno, solo 20, pari al 7% sul totale, sono uscite dall’attività evidenziando la resilienza del settore” spiega Marco Folcia (nella foto), Partner Transformation FS PwC Italia.

I settori che hanno registrato una maggior crescita di aziende FinTech sono stati quelli che hanno saputo rispondere ai nuovi bisogni dettati dalla pandemia. Fra questi il Lending (+37%), segmento determinante nel far fronte alla domanda di credito emersa dalle PMI italiane, e l’InsurTech (+22%), settore più giovane rispetto ad altri che ha giocato un ruolo chiave nel soddisfare la domanda di tutela e protezione nel campo della salute e della cybersecurity, rinnovando i modelli di erogazione di servizi con nuove forme di relazione digitale a distanza. Hanno contribuito alla crescita del settore anche il Wealth & Asset Management (+11%), grazie al forte sviluppo del segmento dell’Equity Crowdfunding e del Real Estate Equity Crowdfunding; il Money Management (+8%), soprattutto nell’area dell’Enterprise Financial Management e l’area del RegTech che è ancora in fase di maturazione (+28%).

Ricavi in crescita per il FinTech italiano: +31% nel 2020

Il FinTech italiano ha globalmente retto molto bene al contesto pandemico. Dalle analisi di PwC emerge che il fatturato complessivo delle FinTech è aumentato del 31% nel 2020, con un tasso di crescita solo lievemente inferiore rispetto all’andamento del 2019 sul 2018 (+34%).

A pesare sul risultato positivo è stata la tenuta dei Pagamenti (+24%) e del Lending (+26%), due aree che insieme rappresentano oggi oltre il 60% dei ricavi del FinTech Italiano. In forte accelerazione anche le revenues di aree emergenti come l’InsurTech (+78%) e il Money Management (+60%), mentre è più cauto l’andamento di segmenti ancora in fase di maturazione come il Capital Market&Trading (+13%), Wealth-AM, RegTech. Un discorso a parte va fatto per l’Other Crowdfunding (non misurabile sull’evoluzione dei ricavi) che ha registrato una vera impennata dei fondi raccolti: +95%, pari a oltre 30 milioni di euro nel 2020.

Aumentano le scaleUp

Fra i segnali di maturazione e consolidamento del settore rientra anche l’aumento progressivo delle FinTech con fatturato superiore al milione di euro, che oggi rappresentano quasi il 20% del totale delle aziende analizzate.

Ebitda positivo per un settore di startup ma pochi investimenti

La redditività delle FinTech italiane è complessivamente positiva, dato significativo considerando che sono aziende giovani (6,2 anni età media) e startup che propendono per la crescita di fatturato operativo e la costruzione di un proprio mercato di riferimento, anche a scapito della redditività nel breve periodo.

Nei primi 9 mesi del 2021, il valore degli investimenti nelle FinTech italiane ha raggiunto 400 milioni di euro. Un ammontare che si è però concentrato su pochi deal guidati in buona misura dal Venture Capital internazionale, confermando ancora una certa debolezza degli investimenti nel sostenere la crescita delle aziende startup innovative.

Dalle analisi PwC emergono segnali positivi, come l’importanza del VC nazionale, che alimenta molte piccole aziende in fase di avvio e di crescita; l’attività del Corporate VC, spesso in logica di rafforzamento della propria offerta, e l’avvio di un potenziale ruolo interessante dell’Equity Crowdfunding come fonte di investimento alternativa a quelle tradizionali.

Il 40% delle FinTech italiane guarda alle Pmi

Le Fintech italiane si caratterizzano per una forte propensione al segmento delle PMI, elemento che caratterizza circa il 40% delle Fintech, ma che supera il 50% in alcune aree come il Lending, il Money Management o i Pagamenti. Un trend confermato anche dalle challenger bank italiane più recenti come Illimity, Aidexa.

“Le analisi condotte da PwC nel 2020-2021 sul mercato delle Fintech italiane evidenziano la centralità di nuove forme di collaborazione in risposta alle difficoltà dettate dal Covid. Progetti di partnership e Open innovation, sviluppo di joint ventures, acquisizioni o investimenti, hanno coinvolto le FinTech, le challenger banks, gli Incumbent (banche, assicurazioni, operatori finanziari tradizionali), ma anche le Istituzioni Pubbliche, le Associazioni di Categoria, e alcuni grandi gruppi industriali. Solo nel Lending sono oltre 30 le iniziative di collaborazione registrate nel 2020 e nei primi mesi del 2021, con partnership e progetti speciali nati appositamente per rispondere alla domanda di credito delle PMI durante la pandemia” spiega Marco Folcia, Partner Transformation FS PwC Italia.

Il trend delle collaborazioni emerge anche nell’InsurTech, caratterizzato da operazioni corporate orientate ad accelerare l’innovazione, aprire nuovi segmenti di mercato o arricchire i servizi ai clienti; nell’area dei Pagamenti, con partnership mirate ad allargare il mercato da nazionale a internazionale o ampliare offerta e servizi su segmenti specifici, e nell’area del Money Management dove aziende FinTech partite come aggregatori multi-banca in logica B2C si orientano sempre più anche verso altri mercati, fornendo le proprie capabilities tecnologiche per abilitare nuovi modelli di business basati su ecosistemi più aperti.

Il fintech italiano cresce durante la pandemia: i dati dell’Osservatorio PwC

eleonora.fraschini@lcpublishinggroup.it

Financecommunity.it

Lanciata nel maggio 2014, la testata si rivolge a bankers, fondi di private equity, operatori del real estatee SGR.
La testata, al livello di contenuti, si focalizza sul mercato finance, ovvero sugli spostamenti e cambiamenti di poltrona, le operazioni e relativi advisors, piuttosto che su approfondimenti e dati analitici sull’evoluzione del mercato.
 
Financecommunity.it ha visto crescere molto rapidamente il numero di lettori e di professionisti che intervengono e danno il loro contributo.
 

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

FINANCECOMMUNITY S.R.L. - Via Leone Tolstoi 10 - 20146 Milano–Tel.+39 02 36727659 - C.F./P.IVA 10160150966
REA 2510285 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 10.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram