Investindustrial acquisisce il 60% di Artsana

Dopo i rumor di marzo che davano il fondo in due diligence, alla fine Investindustrial ha firmato un accordo con la famiglia Catelli per rilevare il 60% di Artsana, titolare del marchio per l’infanzia Chicco e dei brand per la cura della persona PIC Solution, Lycia e Control,affiancati nell’operazione da Lazard.

La famiglia Catelli, dice una nota, resterà socia con una quota del 40% e continuerà a guidarne lo sviluppo al fianco del fondo di Andrea Bonomi (nella foto).

Michele Catelli sarà presidente e Claudio De Conto continuerà a fare l’amministratore delegato.

Artsana, che ha sede a Grandate (Como), ha archviato il 2015 con ricavi consolidati per 1,42 miliardi e un Ebitda di 126 milioni. Secondo una fonte vicina all’operazione riportata da Reuters, la società comasca è stata valutata complessivamente 1,3 miliardi.

Per Lazard ha agito un team composto da Marco Samaja, Michele Marocchino e Stefano Cappello.

Investindustrial è invece stata assistita da PwC, per la due diligence finanziaria, da Bain & Co per la business and market due diligence e da UniCredit come advisor finanziario. La banca ha agito anche come global coordinator del finanziamento finalizzato all’acquisizione assieme a BNP e Natixis.

Chicco, che prende il nome dal vezzeggiativo con cui veniva chiamato Enrico, il primogenito del fondatore Pietro, è una delle tante società italiane a guida familiare che si confronta con il passaggio generazionale. Come succede in Italia, più spesso che in altri paesi europei, dopo la morte di Pietro nel 2004 la gestione dell’azienda è stata affidata a uno dei tre figli, Michele, invece che a un manager indipendente. Ma, dopo la crisi finanziaria e il primo bilancio in rosso nel 2011, Michele ha passato la mano a De Conto, ex manager Pirelli, che ha ceduto alcuni asset e riportato in Italia la produzione che era stata delocalizzata in buona parte in Cina, India e Corea.

Nata nel 1946 come agenzia commerciale, specializzata nella venipuntura e nella medicazione, l’azienda entra con il marchio Chicco nel 1958 nel mondo della puericultura, per poi allargarsi al settore della cura personale. Oggi Artsana occupa circa 6.430 addetti in 19 Paesi. Il 50% delle vendite è realizzato all’estero, in particolare in Europa e negli Stati Uniti.

Investindustrial acquisisce il 60% di Artsana

Noemi

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram