martedì 10 dic 2019
HomeReal Estate FinanceMilano Santa Giulia, un benchmark per il futuro

Milano Santa Giulia, un benchmark per il futuro

Milano Santa Giulia, un benchmark per il futuro

Milano cresce a ritmi vertiginosi. Attira studenti, professionisti e turisti. È la sede naturale dei colossi del retail e del food a caccia di una location in Italia. Chiama con voce suadente le aziende tecnologiche, diventa centro d’innovazione e polo di ricerca. Il boom del capoluogo lombardo si accompagna alla vivacità – che confina pericolosamente con il rischio bolla – del settore real estate. Le olimpiadi invernali del 2026, che il capoluogo lombardo organizzerà insieme a Cortina, stanno già, di fatto, amplificando il fermento economico, culturale, sociale, turistico e immobiliare della città.

Accanto allo spettro di prezzi gonfiati, il pericolo principale che accompagna il rinascimento meneghino è la concentrazione degli investimenti, in particolare quelli immobiliari, in alcune zone (tipicamente centro e semicentro). E, collegata al tema dell’abbandono delle periferie, c’è la grande questione della realizzazione delle infrastrutture.

Per questo i progetti di riqualificazione dei quartieri non centrali sono fondamentali. E l’amministrazione guidata da Giuseppe Sala ha voluto con forza legare i giochi olimpici del 2026 ai piani di riqualificazione urbana e di realizzazione delle infrastrutture. La filosofia urbanistica di Palazzo Marino è incarnata dal piano di governo del territorio (Pgt), denominato Milano 2030, varato il 5 marzo e approvato dal consiglio comunale del 14 ottobre scorso. Il Pgt diventerà efficace con la pubblicazione dell’avviso dell’approvazione definitiva sul bollettino ufficiale di Regione Lombardia (Burl), che avverrà a seguito della redazione degli elaborati modificati dall’accoglimento di osservazioni, pareri ed emendamenti.

LA GENESI

Milano Santa Giulia è uno dei maggiori interventi di riqualificazione urbana del capoluogo lombardo, un nuovo quartiere residenziale, con uffici e commercio, e uno spazio pubblico, che, nelle intenzioni degli sviluppatori, unisce wellbeing, sostenibilità e coesione sociale.

Il progetto di Milano Santa Giulia (Msg) si sviluppa su una superficie complessiva di circa 1,1 milioni di metri quadrati, diritti d’edificazione complessivi pari a 650mila metri quadrati, dei quali un terzo già realizzati (si veda la scheda su MAG).

In joint venture tra Risanamento e Lendlease (gruppo australiano quotato, con progetti di sviluppo immobiliare in tutti i continenti), il progetto Msg è composto da due macrozone. L’area sud, che ospita il quartiere residenziale, già precedentemente realizzato da Risanamento, e abitato da 1.400 famiglie, con servizi alla persona, il grande parco attrezzato Trapezio, un nuovo asilo, la Promenade con i negozi, bar e ristoranti, e il business center che ospita il quartier generale di Sky, nel quale lavorano 3mila persone. A questi si affiancheranno due nuovi edifici ad uffici, Spark One e Spark Two – rispettivamente di 32mila e 16mila metri quadrati -, i cui lavori di edificazione, in corso, sono iniziati nell’autunno del 2018. Nei prossimi anni altri 50mila metri quadrati di uffici saranno costruiti nelle aree a nord del complesso Sky.

Del progetto Santa Giulia abbiamo parlato con Davide Albertini Petroni – direttore generale di Risanamento, amministratore delegato di Msg e chairman di Urban Land Institute – e con Corrado De Francisco, general manager Italy Lendlease.

PER PROSEGUIRE LA LETTURA, CLICCA QUI E SCARICA GRATIS LA TUA COPIA DI MAG

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.