BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA GUIDO BASTIANINI (Ph.Fabio Di Pietro)

Mps si prepara al Pnrr con i poli AgevolaPiù

Accompagnare le aziende, le famiglie e gli enti locali nel percorso di rilancio e modernizzazione e cogliere le opportunità previste dal piano di transizione Next generation EU (NGEU), con particolare riferimento al pacchetto di riforme e investimenti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).  È questo l’obiettivo del nuovo progetto di Banca Monte dei Paschi di Siena che si è concretizzato con l’avvio dei primi 10 nuovi poli specialistici denominati MPS AgevolaPiù.

La nuova iniziativa è pensata per rispondere in maniera rapida e puntuale alle esigenze di un comparto fondamentale dell’economia italiana, come quello delle medie, piccole e piccolissime aziende, ma anche delle famiglie e degli enti locali. In un contesto di trasformazione come quello attuale, accelerato anche dall’emergenza Covid-19, Banca Mps mira infatti ad una semplificazione e focalizzazione della propria offerta che mette al centro le filiere chiave dell’economia locale. 

Alla base del progetto una formazione specialistica delle risorse e il potenziamento territoriale che passa da una intensificazione della collaborazione con le finanziarie regionali, le associazioni di categoria e i Confidi. 

Sedi dei primi 10 centri, operativi da oggi ciascuno a presidio di uno specifico ambito regionale, sono: Bari, Bologna, Catania, Firenze, Pescara, Roma, Mantova, Napoli, Padova e Torino. A questi se ne aggiungeranno progressivamente altri per coprire tutte le Regioni. Inoltre, sono previste ulteriori aperture con l’obiettivo finale di supportare tutti i territori caratterizzati dai grandi insediamenti urbani e produttivi. I centri sono in grado di rappresentare un reale volano per lo sviluppo del territorio, con l’obiettivo di lavorare a stretto contatto con la clientela offrendo competenze specialistiche e un supporto strategico costante

Guido Bastianini, Amministratore Delegato di Banca Monte dei Paschi di Siena, ha commentato: «Con questo nuovo progetto MPS prosegue il suo percorso di specializzazione per supportare le imprese, in particolare le piccole e piccolissime, le famiglie e gli enti locali con un presidio territoriale costante e una vicinanza alle esigenze specifiche dei singoli comparti. Il nostro obiettivo è accompagnare le aziende e le famiglie nel percorso di transizione del Paese verso un modello di sviluppo sostenibile con un’offerta di credito e di servizi dedicata. Per questo abbiamo promosso un nuovo modello di relazione e confronto, mirato a rispondere alle differenti richieste attraverso team specializzati di professionisti e forti sinergie con i soggetti del territorio. Un progetto che dimostra ancora una volta l’attenzione ai settori chiave della nostra economia e l’impegno per lo sviluppo del Paese in ottica di sostenibilità e innovazione».

I nuovi centri offriranno il supporto di esperti di settore e soluzioni mirate per sviluppare sinergie con gli organismi di garanzia, finanza agevolata e le reti terze per l’erogazione di credito, per individuare opportunità e facilitare l’accesso ai fondi pubblici, per meglio impiegare i plafond accordati e solo parzialmente utilizzati. I centri prevedono una linea di prodotti dedicati alle famiglie, alle imprese e agli enti locali con la presenza di personale specializzato in ambito di finanza agevolata che, grazie ad un percorso formativo strutturato dalla Banca, ha maturato competenze utili ad orientare la clientela lungo percorsi innovativi e sostenibili. La Banca promuove, dunque, una consulenza sempre più personalizzata mettendo a disposizione la propria rete di specialisti per diventare il punto di riferimento per lo sviluppo del business e della crescita imprenditoriale.

Con questo progetto Banca Mps prosegue il percorso di specializzazione a supporto delle aziende del Paese avviato a febbraio scorso con il lancio del progetto agroalimentare dedicato alle imprese del settore primario.

Mps si prepara al Pnrr con i poli AgevolaPiù

nicola.dimolfetta@lcpublishinggroup.it

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram