domenica 16 mag 2021
HomePrivate EquityPrima exit di G-Factor: ceduta quota in Relief a Santex

Prima exit di G-Factor: ceduta quota in Relief a Santex

Prima exit di G-Factor: ceduta quota in Relief a Santex

Perfezionata la cessione totale della quota azionaria di minoranza di Relief in possesso di G-Factor, a Santex, multinazionale italiana specializzata nel settore dell’incontinenza e della medicazione ospedaliera e operante commercialmente in più di 40 Paesi.

G-Factor srl è l’incubatore-acceleratore fondato nel 2018 da Fondazione Golinelli, che in appena trenta mesi dalla sua nascita,
nel solo settore life sciences, ha investito in 18 start-up diventandone socio, erogando migliaia di ore di accelerazione e trasformando l’alto potenziale di scienziati e innovatori in realtà imprenditoriali in grado di affermarsi sul mercato.

Tutto nasce nel 2012 da un’intuizione di Tommaso Mazzocchi, socio di maggioranza attuale di Relief, e del prof. Novello Pinzi, all’epoca direttore di Urologia dell’ospedale di Lucca. I due pensano a una soluzione per contrastare l’incontinenza urinaria attraverso un sistema poco invasivo, applicabile a livello ambulatoriale, adattabile ad anatomie femminili e maschili, che non abbia necessità di sacche esterne o cateteri. Il progetto di Mazzocchi e Pinzi trova terreno fertile all’interno dell’Istituto di BioRobotica dove Arianna Menciassi, prorettrice vicaria della Scuola Sant’Anna, e Leonardo Ricotti, professore associato di bioingegneria, si interessano all’idea e cercano finanziamenti per trasformarla in realtà. Nasce così il progetto SUAVES, finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, primo passo verso lo sviluppo del prototipo. La svolta arriva nel 2017 quando il Centro Protesi INAIL di Vigorso di Budrio supporta tecnicamente il progetto Relief: è proprio la collaborazione scientifica tra il Centro Protesi INAIL e l’Istituto di BioRobotica che dà impulso alla ricerca e consente il primo studio pilota su sei pazienti, in collaborazione con l’Università Campus Bio-Medico di Roma.

Il resto è storia recente: nel 2019, grazie all’ingresso del first investor, G-Factor di Fondazione Golinelli, viene fondata la spin-off Relief srl, i cui soci fondatori sono Tommaso Mazzocchi, Gioia Lucarini, Leonardo Marziale, Leonardo Ricotti e Novello Pinzi. La transizione da attività accademica a realtà industriale è stata facilitata e supportata dal prezioso lavoro della Scuola Superiore Sant’Anna dedicato alla terza missione, in particolare il Prof. Andrea Piccaluga (responsabile dell’Ufficio Valorizzazione Ricerche della Scuola fino al 2019), Monia Gentile e Alessandra Patrono e il Prof. Paolo Dario, attuale coordinatore delle attività di terza missione della Scuola. Nel giro di poco tempo, Relief ottiene prestigiosi riconoscimenti (tra cui il Premio Nazionale Innovazione categoria Life Science 2018, il Premio Marzotto 2019 e il Premio Innovazione Regione Toscana 2019), e cattura l’attenzione dell’azienda Santex che decide di investire su questa linea di ricerca.

«A 24 mesi esatti dalla costituzione di Relief in startup innovativa, G-Factor ha ceduto in toto la propria partecipazione azionaria di minoranza a un importante partner industriale, che contribuirà al suo sviluppo tecnologico e imprenditoriale, favorendone l’ingresso nel mercato a livello internazionale – dichiara Antonio Danieli (nella foto), amministratore unico di G-Factor e Vice-Presidente di Fondazione Golinelli – Abbiamo creduto e investito in Relief fin da subito, non solo con risorse finanziarie: abbiamo sempre vissuto il nostro ruolo di socio come quello di un partner che accompagna il team verso un primo grande traguardo. Ora, abbiamo esaurito il nostro compito all’interno della startup e non ci resta che augurare a tutto il team di Relief srl un futuro di successi importanti».

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.