sabato 08 ago 2020
HomePrivate DebtPrivate debt, investimenti in crescita. Il mercato vale nel complesso 2,1 miliardi

Private debt, investimenti in crescita. Il mercato vale nel complesso 2,1 miliardi

Private debt, investimenti in crescita. Il mercato vale nel complesso 2,1 miliardi

Il private debt italiano cresce e registra un +79% di investimenti rispetto al primo semestre del 2017, arrivando cioè a 448 milioni di euro, e un +31% di sottoscrizioni, che sono state 59 in questi primi sei mesi. Nel complesso, il mercato è arrivato a valere 2,1 miliardi di euro (dal 2013 a oggi), con 223 emittenti e 372 strumenti.

Ad aumentare è anche il numero di target, arrivate e 50 (+56%) ma la nota stonata è la raccolta. Nel primo semestre del 2018 infatti sono stati raccolti sul mercato 141 milioni di euro e dall’inizio dell’attività nel 2013 a oggi, il fundraising complessivo ammonta a 1,9 miliardi di euro. Questo perché i fondi hanno raccolto molto tra il 2013 e il 2015, nei primi anni di nascita del mercato, e adesso stanno lavorando sugli investimenti.

I dati presentati da Aifi e Deloitte descrivono dunque un mercato che si sta strutturando pur restando ancora molto giovane. Ne è una riprova la quantità predominante (90%) di investitori domestici  su quelli stranieri. Inoltre il 24% del capitale è arrivato dai fondi di fondi istituzionali, fra i quali in prima linea c’è il Fondo Italiano d’Investimento sgr, che lancerà un nuovo fondo di fondi di private debt, ha detto il presidente di AIFI Innocenzo Cipolletta, che è anche presidente dell’sgr, il 22% dalle banche, e il 17% dalle assicurazioni.

Il mercato italiano del Private Debt è in forte crescita, solo pochi anni fa non esisteva e oggi raccoglie già una massa di liquidità importante”, ha commentato Daniele Candiani, Partner Debt Advisory/Corporate Finance Deloitte, che ha aggiunto:  “Qui in Italia è ancora un settore giovane ma in altri mercati internazionali, in particolare in UK, i private debt rappresentano la fonte prevalente del debito a supporto di acquisizioni; oltre il 60% delle operazioni è finanziato infatti da questo strumento”.

Se a fornire liquidità sono gli operatori italiani, a investire sono invece quelli internazionali. L’84% dell’ammontare è stato investito da soggetti stranieri che hanno realizzato il 59% del numero di operazioni.  Nel dettaglio, il 52% delle operazioni sono state sottoscrizioni di obbligazioni, mentre il 46% sono stati crediti e il 2% ha riguardato strumenti ibridi. Per quanto riguarda le caratteristiche delle operazioni, la durata media è poco inferiore ai 5 anni mentre sulle dimensioni delle sottoscrizioni, l’85% dei casi ha riguardato operazioni con un taglio medio inferiore ai 10 milioni di euro. Il tasso d’interesse medio è stato pari al 5,5%.

A livello dimensionale, il 60% degli investimenti ha riguardato imprese con meno di 50 milioni di fatturato, tipicamente le pmi. Di queste, il 12% ha un private equity nel suo capitale. Quanto alle medie-grandi imprese, quelle con oltre 50 milioni di fatturato, ben il 57% ha un private equity nel capitale. In ogni caso, soltanto il 17% delle emissioni è stata condotta a supporto di operazioni di leveraged buyout. La maggior parte dei bond, invece, è stato emesso per andare a finanziare piani di crescita delle aziende per via organica (70%) o per acquisizioni (10%). Soltanto nel 3% dei casi le emissioni sono servite a una rifinaziamento del debito esistente.

A conferma della strutturazione del mercato è la presenza di operazioni di disinvestimento, il che significa che alcuni bond e prestiti sottoscritti negli anni passati stanno arrivando a scadenza. Complessivamente, dal 2015 a oggi, sono stati realizzati 103 disinvestimenti per un ammontare pari a 246 milioni di euro. Nel primo semestre 2018, sono state 68 le exit per un ammontare pari a 95 milioni di euro. Il 66% degli strumenti di debito è comunque ancora in portafoglio.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.