sabato 08 mag 2021
HomePrivate EquityAl via H4.0, il club deal del Nord Est

Al via H4.0, il club deal del Nord Est

Al via H4.0, il club deal del Nord Est

La boutique di consulenza finanziaria Akos Finance, specializzata nella realizzazione di operazioni di finanza straordinaria e nella gestione di patrimoni familiari, ha lanciato H4.0, un club deal – cioè un sindacato d’investimento mutuato dalla cultura finanziaria anglosassone – deedicato alle imprese del Nord Est dell’Italia a cui hanno aderito famiglie imprenditoriali venete con l’obiettivo di investire in capitale di rischio in pmi del territorio con un fatturato compreso tra i 5 e i 30 milioni di euro, con buone performance economiche e solidità patrimoniale.

H4.0  è stato ideato e reso operativo dalle due partner di Akos FinanceCamilla Narder (nella foto) e Veronica Striuli, sotto la guida del fondatore, professore Giorgio Bertinetti, ordinario di Finanza Aziendale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Il Family Office di Akos Finance è diretto dal partner Mirco Sola.

Il nuovo club deal punta ad agire come “un vero partner industriale per lo sviluppo per le pmi”: composto da investitori che sono a loro volta imprenditori, si propone di “trasformare i flussi di capitale in benefici tangibili per l’economia reale grazie alla condivisione di know how, visione imprenditoriale, capacità manageriali, expertise e conoscenze dei mercati, oltre ai capitali necessari allo sviluppo”.

L’obiettivo al 2021 di H4.0 è produrre tre o quattro investimenti in pmi territoriali per un controvalore di circa 15 milioni di euro, con un orizzonte temporale di impieghi di 5 anni, acquisendo quote di controllo o di minoranza in base ai progetti di sviluppo dell’impresa e puntando ad ampliare allargando il network di investitori aderenti al club deal in tempi estremamente rapidi.

Le imprese in cui investirà, con un’ottica di condivisione della gestione con gli imprenditori fondatori, sono veri e propri “campioni del Nord Est”, cioè imprese operanti in nicchie di mercato in crescita e con elevate barriere tecnologiche all’ingresso, caratterizzate da qualità del prodotto e prospettive di sviluppo a livello nazionale e internazionale. Secondo i dati Aida, il 25% delle pmi con fatturato fino a 30 milioni di euro ed Ebitda superiore al 10% è attualmente localizzato fra il Veneto e l’Emilia Romagna.

 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.