mercoledì 20 nov 2019
HomeEmissioni ObbligazionarieAnthilia Capital Partners sottoscrive il minibond di Presezzi

Anthilia Capital Partners sottoscrive il minibond di Presezzi

Anthilia Capital Partners sottoscrive il minibond di Presezzi

Anthilia BIT 3 – il fondo di private debt gestito da Anthilia Capital Partners (nella foto il vicepresidente esecutivo Giovanni Landi)  – ha sottoscritto il minibond emesso dal gruppo Presezzi, società attiva da 25 anni nella produzione di macchine per l’estrusione di metalli vari.

L’emissione del gruppo Presezzi, per un importo di 7 milioni di euro, sottoscritta dal fondo che investe in bond appositamente creato da Anthilia, ha scadenza il 15 marzo 2027 e un rimborso amortizing con 24 mesi di pre-ammortamento.

Lo Studio Vienna ha svolto il ruolo di Financial Advisor del Gruppo Presezzi, mentre l’assistenza legale nell’ambito dell’operazione è stata curata da SLC Studio Legale Campoccia.

Il Gruppo Presezzi – fondato nel 1994 dall’attuale presidente e ad Valerio Presezzi, coadiuvato dal figlio Bruno, anch’ esso ad del gruppo – è tra i principali produttori in Italia specializzati in impianti di estrusione e melting di tutte le leghe non ferrose – fornendo supporto in tutte le fasi di sviluppo e implementazione a grandi aziende appartenenti ai più svariati settori (automotive, aeronavale, trasporti, edilizia, etc) in tutto il mondo.

Con stabilimenti a Vimercate e Mantova, la società impiega 190 dipendenti e negli ultimi anni si è evoluta passando da produttore di presse a estrusione a produttore di impianti completi. In seguito all’espansione in Europa orientale e Asia avviata nel 2000, nel 2013 il Gruppo prosegue lo sviluppo all’estero puntando verso gli Stati Uniti, Canada e Messico, con stabile presenza in Chicago per attività commerciali e di service.

Infine, nel 2016 – dopo l’acquisizione, avvenuta nel corso dell’esercizio 2013, della maggioranza del capitale dello storico fornitore e partner COIM – Presezzi perfeziona l’integrazione di Profile Automation, acquisita nel 2015. Nel 2018 il Gruppo ha conseguito un valore della produzione pari a oltre 70 milioni di euro (+30,7% rispetto al 2014), un EBITDA margin attorno al 10% in crescita e una quota di export pari a circa il 95%.

L’emissione del prestito obbligazionario consentirà alla società di intervenire nel contempo sia sul piano industriale, con investimenti dedicati al potenziamento della capacità produttiva, che sul piano commerciale, rafforzando il marchio e la rete a supporto dell’export.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.