mercoledì 21 apr 2021
HomeCorporate Finance/M&ABanca Finint con Ode nel passaggio a Ceme (Investindustrial)

Banca Finint con Ode nel passaggio a Ceme (Investindustrial)

Banca Finint con Ode nel passaggio a Ceme (Investindustrial)

Ceme, società pavese attiva nel settore delle elettropompe a vibrazione ed elettrovalvole a solenoide, controllata dal fondo Investindustrial VI, ha acquistato il 100% di Ode, azienda attiva nello stesso segmento di mercato. A vendere è stato il gruppo Defond di Hong Kong, attivo nella produzione di valvole elettromeccaniche per varie applicazioni.

Nell’acquisizione, Ode è stato supportato da Banca Finint in qualità di advisor finanziario.

Ode, si legge in un comunicato, è stata fondata nel 1960 a Esino Lario (Lecco). Oggi il gruppo può contare su tre stabilimenti, circa 750 dipendenti e un fatturato superiore agli 80 milioni di euro.

L’operazione permetterà a Ceme di espandere ulteriormente la presenza commerciale e industriale, potendo contare su una capacità produttiva ulteriore di pompe e valvole a solenoide destinate tra le altre ad applicazioni nel settore del caffè (macchine da bar), del vending, del beverage, della refrigerazione e del water-management.

“Questa acquisizione rappresenta un passaggio fondamentale per Ceme, perché ci permette di aggiungere alla nostra offerta una gamma di prodotti totalmente complementari a quelli già presenti nel nostro portafoglio. Grazie al supporto strategico e finanziario di Investindustrial abbiamo intrapreso un percorso di crescita per linee interne ed esterne che ci ha portato a rafforzare e consolidare la nostra leadership nei segmenti e nei mercati in cui operiamo”, ha dichiarato l’amministratore delegato di Ceme, Roberto Zecchi (nella foto).

Fondata nel 1974 e con sede a Trivolzio (Pavia), Ceme è un’azienda meccatronica attiva nel mercato della produzione di pompe ad alta e bassa pressione, valvole in ottone e plastica, pressostati e flussostati che permettono il controllo del passaggio di ogni tipo di fluido: acqua, gas, vapore o aria. Gli stabilimenti, che impiegano complessivamente 900 dipendenti, sfornano ogni anno circa 40 milioni di pezzi, distribuiti in 70 Paesi, grazie a una fitta rete commerciale di distributori, per un fatturato che nel 2020 si è attestato a circa 170 milioni di euro.

Investindustrial ha acquisito il 97% del capitale della società nel dicembre 2017 per 285 milioni di euro da Investcorp.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.