lunedì 26 ago 2019
HomeCorporate Finance/M&ACanapa medica, fondo canadese LGC Capital compra 35% Freia Farmaceutici

Canapa medica, fondo canadese LGC Capital compra 35% Freia Farmaceutici

Canapa medica, fondo canadese LGC Capital compra 35% Freia Farmaceutici

Il fondo canadese LGC Capital ha acquisito il 35% del capitale di Freia Farmaceutici, azienda italiana attivo nello sviluppo di dispositivi medici, integratori alimentari, dietetici, presidi medico-chirurgici e alimenti a fini medici speciali a base di derivati del seme di canapa sativa. L’operazione ha un controvalore di 3,3 milioni di euro.

Equo Partners ha svolto il ruolo di advisor finanziario di Freia Farmaceutici.

Iscritta al registro delle pmi innovative, ricorda un comunicato, Freia Farmaceutici è una delle due aziende europee – l’unica in Italia – ad aver sviluppato soluzioni terapeutiche a base di canapa sativa registrate al ministero della Salute, prive di Thc e Cbd. Freia è titolare di sette brevetti e ha già lanciato sul mercato diversi prodotti farmaceutici destinati a pazienti sottoposti a trattamento radio e chemioterapico, affetti da dermatite atopica e da dismetabolismo (ipercolesterolemia, diabete e disfunzione endocrina).

La pipeline 2019-2020 di prodotti di Freia prevede il lancio di nuovi dispositivi medici in ambito ginecologico, in campo gastroenterologico e nutrizionale, nonché l’ulteriore sviluppo delle linee di prodotti già presenti sul mercato. Inoltre, un progetto di ricerca prevede lo sviluppo di un’applicazione per il trattamento della sclerosi multipla.

Freia, guidata dall’amministratore delegato Alessandro G. Cavalieri Manasse, ha archiviato il 2018 con una crescita del fatturato del 74%, arrivando a 856.000 euro, con un ebitda margin del 22%. Il piano industriale della società basata a Milano prevede per quest’anno l’espansione sui mercati esteri, in Europa e in Asia.

Il mercato mondiale dei derivati della canapa è in grande crescita: solo negli Stati Uniti si stima che raggiungerà un valore di 1,8 miliardi di dollari annui nel 2020. L’Italia ha una solida tradizione nel settore della canapa: fino al 1950 ne era il secondo produttore al mondo, dedicando alla coltura 90mila ettari di territorio.

LGC Capital investe nel settore della canapa legale ed è quotato in Canada sul TSX Venture Exchange e sull’OTC-QB Exchange statunitense.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.