lunedì 22 ott 2018
HomeCartolarizzazioniCreval cede npls per 222 mln euro a Credito Fondiario

Creval cede npls per 222 mln euro a Credito Fondiario

Creval cede npls per 222 mln euro a Credito Fondiario

Creval mette la parola fine al cosiddetto “Project Gimli” per il 2018, ossia la cessione di non performing loans, con la vendita di un portafoglio costituito da crediti non performing secured a Credito Fondiario.

Il pacchetto ha un valore lordo di libro di 222 milioni di euro – che comprende finanziamenti di leasing immobiliare per un GBV di oltre 56 milioni di euro – ed è stato ceduto a un prezzo prossimo al 41% del GBV.

Nel dettaglio il portafoglio è costituito da esposizioni creditizie principalmente verso imprese del settore immobiliare, classificati a inadempienza probabile e a sofferenza. Per il gruppo guidato dal dg Mauro Selvetti (nella foto) la cessione è quindi in linea con gli obiettivi di de-risking previsti nell’ambito del nuovo Piano Industriale 2018-2020 con un target di NPE Ratio lordo inferiore al 10% entro il 2020.

L’operazione rientra fra le cessioni già realizzate dalla per quasi 2,4 miliardi di euro, di cui la più significativa per 1,4 miliardi di euro (c.d. “Project Elrond”) tramite cartolarizzazione assistita dalla garanzia dello Stato (GACS) sulla tranche senior della cartolarizzazione, conclusa a luglio dello scorso anno. Gli effetti sul Conto Economico dell’esercizio in corso, comunica la banca, saranno limitati, anche in considerazione delle rettifiche su crediti rilevate nell’ambito della prima applicazione del nuovo principio contabile IFRS9, con effetti a livello di CET1 attraverso il meccanismo di phasing-in.

Per Credito Fondiario l’operazione è funzionale al continuo sviluppo della propria strategia di acquisizione e valorizzazione di portafogli di crediti deteriorati, sia in sofferenza che in inadempienza probabile, sia banking che leasing. A oggi il gruppo ha investito oltre 600 milioni di euro direttamente in portafogli di crediti e oltre 40 miliardi di euro di crediti in gestione, di cui circa 7 miliardi in special servicing.

Nell’operazione Creval è stato assistito da Deloitte Financial Advisory, che ha predisposto una fairness opinion sul portafoglio oggetto di cessione.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.