Equita, ricavi e utile in calo nel primo semestre. Colpa delle turbolenze dei mercati

Equita Group ha archiviato il primo semestre con ricavi e utile in calo e preannuncia un risultato netto a fine anno in diminuzione rispetto al 2018, sebbene percentualmente inferiore rispetto alla prima parte del 2019.

I ricavi netti consolidati, si legge in un comunicato della società di investment banking, sono scesi del 31% rispetto allo scorso anno. Le spese per il personale sono calate del 33%, a 11,6 milioni La parte di spese per il personale relativa alla componente fissa di remunerazione è aumentata del 18% per effetto del consolidamento delle nuove risorse inserite nel corso del 2018 e nella prima parte del 2019.

L’utile netto consolidato nel primo semestre si è attestato a 4 milioni, in calo rispetto al 2018 (7,6 milioni) “per effetto dei minori ricavi dell’investment banking, influenzati dal contesto di mercato e da un effetto comparativo con i primi sei mesi del 2018”. La marginalità post-tasse è stata del 16%.

L’area global markets  è cresciuta dell’1%, a 17 milioni. I ricavi del sales & trading, al netto delle commissioni passive e degli interessi, sono saliti del 5%, a 11,3 milioni. I ricavi delle attività di client driven trading & market making sono aumentati del 18%, a 3,9 milioni. L’area global markets ha registrato una flessione dei ricavi: -8%, a 7,9 milioni. I ricavi dell’investment banking sono scivolati a 5,7 milioni da 17,4 milioni di un anno prima, influenzati negativamente, spiega Equita, dall’andamento dei mercati e dall’effetto comparativo con i risultati del primo semestre 2018. In ambito M&A il controvalore di operazioni di finanza straordinaria si è ridotto del 41% (18,6 miliardi da 31,5 miliardi di un anno prima). Calo significativo per le operazioni di equity capital markets e debt capital markets. I ricavi dell’alternative asset management sono saliti del 12%, a 2,7 milioni,

L’amministratore delegato Andrea Vismara (nella foto) sottolinea che, “nonostante il risultato del secondo trimestre rifletta bassi volumi di intermediazione e di operazioni di investment banking sul mercato italiano, la strategia di diversificazione adottata da Equita nel tempo ci ha permesso di crescere in aree come il global markets e l’alternative asset management… Ci attendiamo un andamento positivo nel secondo semestre, che non sarà penalizzato dal confronto con il medesimo semestre del 2018 come è invece accaduto nel primo semestre a causa della concentrazione anomala di operazioni di investment banking nella prima parte” dell’anno scorso. Il manager prevede un utile netto a fine anno “in calo più contenuto percentualmente rispetto alla diminuzione vista nel primo semestre. Alla luce di ciò e considerando gli utili non distribuiti nel 2017 e 2018, ad oggi riteniamo appropriato ipotizzare la distribuzione nel 2020 di un dividendo per azione tra 0,18 e 0,20 euro, che rappresenta in media un rendimento superiore al 7% rispetto al valore odierno del titolo Equita Group”, conclude Vismara.

Equita, ricavi e utile in calo nel primo semestre. Colpa delle turbolenze dei mercati

Noemi

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram