mercoledì 28 ott 2020
HomeScenariFinanza sostenibile, Italia maglia nera. La ricerca di Eos Im

Finanza sostenibile, Italia maglia nera. La ricerca di Eos Im

Finanza sostenibile, Italia maglia nera. La ricerca di Eos Im

L’Italia è maglia nera per adesioni agli Un Pri, i Principi di Investimento Responsabile delle Nazioni Unite, stando allo studio condotto da Eos Im, che ha anche annunciato la propria sottoscrizione ai principi per promuovere e consolidare i temi della sostenibilità ambientale anche nella finanza.

Secondo la ricerca, negli ultimi anni l’Italia è progressivamente scesa nella classifica delle nazioni più attente a investire in modo sostenibile: il numero di adesioni dal 2014 vede per il bel Paese un trend inesorabile, e dalle 8 società firmatarie del 2014, si è passati a zero per il 2019. Bene, a livello globale, anche la Francia, l’Australia e il Canada.

 

“Il concetto di sostenibilità non è filosofico, ma ha effetti concreti e tangibili. Le aziende sostenibili sono quelle che cresceranno di più, con maggiori rendimenti. Non adottare ESG, si può tradurre oggi in perdite economiche molto importanti. Tante aziende si trovano di fronte a un bivio: o cambiano modello di business, o rischiano di scomparire. I cambiamenti climatici sono il rischio numero uno per la crescita. È indispensabile mettere in discussione ciò che si era consolidato, e per farlo serve un nuovo modello di leadership: il mercato è ricettivo e i manager sempre più consapevoli. Speriamo solo che anche i governi rispondano unanimi nel promuovere leggi all’insegna dei 17 obiettivi Onu. Non è più un aspetto di marketing, bisogna passare dalla comunicazione al racconto della sostenibilità economica, sociale e ambientale applicata”, commenta Ciro Mongillo (nella foto), ceo e Founding Partner del Gruppo EOS IM.

I sei principi che vengono sottoscritti aderendo all’Un Pri consistono nel dettaglio nell’incorporazione dei fattori ambientali, sociali e di governance nell’analisi degli investimenti e nel processo decisionale; nell’integrazione di fattori ambientali, sociali e di governance nella politica di azionariato attivo; la richiesta alla società in cui si investe di un’appropriata divulgazione di notizie che li riguardano inerenti i fattori ambientali, sociali e di governance; la promozione, accettazione e implementazione del Principi nella comunità degli investitori; la collaborazione con la comunità finanziaria per migliorare l’efficacia nell’implementazione dei Principi e la divulgazione al pubblico delle relazioni su attività e progressi della SGR nell’applicazione dei Principi.

A seguire la tabella Un Pri sulle adesioni ricevute nel corso del 2019 a livello globale. L’Italia è la grande assente, mentre spiccano l’Olanda, il Regno Unito e gli Usa.

 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.