IndStars 3, integrazione con Salcef passa grazie a intervento Finhold

La business combination con Salcef Group proposta da Industrial Stars of Italy 3 (IndStars 3) ha ottenuto il via libera dei soci della spac soltanto grazie all’intervento di Finhold, socio di controllo della società attiva nel settore railway systems and technology.

I recessi dei soci di IndStasr 3 sono stati pari al 34,312% del capitale – si legge in un comunicato della spac promossa da Giovanni Cavallini, Attilio Arietti, Davide Milano ed Enrico Arietti  (nella foto) -, quindi superiori alla soglia del 30% fissata per far saltare l’operazione.

Finhold, società che fa capo alla famiglia Salciccia, ha dato la disponibilità a intervenire, comprando, oltre alla quota parte di azioni, anche l’inoptato “nella misura in cui ciò sia necessario a far sì che, all’esito dell’offerta in opzione e prelazione, la condizione risolutiva non si verifichi”.

L’operazione di business combination di IndStars 3 prevede un aumento di capitale in Salcef Group di 100 milioni di euro e la distribuzione di parte delle riserve della spac agli azionisti, che, alla luce dei recessi, dovrebbe ammontare a 5 milioni.

Il 30 luglio scorso Salcef aveva annunciato l’acquisizione di Coget per massimi 15,5 milioni.

La business combination era stata approvata l’11 luglio.

IndStars 3, integrazione con Salcef passa grazie a intervento Finhold

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram