La crescita sostenibile di Fineurop Soditic

C’è chi ha ampliato il proprio portafoglio di servizi puntando alla multipiattaforma, chi cresce per acquisizioni e chi recluta i “campioni” del settore. Il mercato italiano dell’advisory, soprattutto nel mid-cap, è in grande fermento e sempre più competitivo. L’imperativo che sembra spingere le mosse dei vari player è “crescere”. Anche in questo momento di incertezza, gli operatori del settore si sono mobilitati facendo acquisizioni, ampliando il portafoglio di servizi o conquistando track record reclutando i campioni del settore. Ma è davvero questa l’unica strategia possibile per una società di advisory? In un mondo in cui chi non cresce è out può sembrare di sì, in realtà c’è anche chi decide di puntare sulla resilienza, sulla sostenibilità e sulla solidità del team. È il caso di Fineurop Soditic, «la boutique privata con più heritage sul mercato», afferma orgoglioso Eugenio Morpurgo (nella foto), partner fondatore della società, che a MAG racconta le origini della società e spiega come è cambiata l’attività di advisory negli anni.

Per proseguire nella lettura, scarica il numero 150 di Mag

La crescita sostenibile di Fineurop Soditic

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram