Lazard e Mediobanca nell’ingresso della famiglia Arduini in Carraro

Assistita da Lazard, Finaid ha ceduto una quota pari al 18% di Carraro, affiancata da Mediobanca, alla famiglia Arduini e siglerà con l’acquirente un patto parasociale che, attraverso un successivo aumento di capitale, consentirà un ulteriore incremento della partecipazione del nuovo socio.

Nel dettaglio Finaid, che fa capo a Mario Carraro, ha ceduto il proprio 18,27% a un prezzo unitario di 1,66 euro per un corrispettivo di 14 milioni di euro, che saranno reinvestiti nella società, spiega una nota. In base agli accordi verrà promosso nel corso del 2016 un aumento di capitale in opzione con modalità ancora da definire.

La famiglia Arduini detiene quindi il 19,78% del capitale sociale di Carraro, pari al 20,98% dei diritti di voto, mentre a Mario Carraro fa capo complessivamente il 44,09% (46,76% dei diritti di voto), di cui il 39,95% tramite Finaid.

L’investimento totale, che permetterà la messa in sicurezza patrimoniale e il rilancio dell’azienda gestita da Enrico e Tomaso Carraro. è stimato in 34 milioni.

Lazard e Mediobanca nell’ingresso della famiglia Arduini in Carraro

Noemi

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram