sabato 31 ott 2020
HomeCorporate Finance/M&AMaps compra Scs Computer. Oaklins advisor

Maps compra Scs Computer. Oaklins advisor

Maps compra Scs Computer. Oaklins advisor

Maps, pmi Innovativa quotata su AIM Italia attiva nel settore della digital transformation, ha acquisito tramite la controllata MAPS Healthcare il 100% di SCS Computers, società nata a Fermo, nelle Marche, negli anni ’80, specializzata nel mercato Healthcare che fornisce le proprie soluzioni proprietarie alla sanità pubblica e privata.

Nell’operazione, Scs Computers è stata assistita da Oaklins Italy in qualità di advisor sell-side, con un team formato dal partner Enrico Arietti (nella foto) e dall’Associate Marco Croci. Thymos Business & Consulting ha assistito Maps.

Il controvalore dell’operazione è pari a 4,24 milioni di euro, che verrà corrisposto in due tranche: la prima, pari a 2,74 milioni di euro, al closing dell’operazione previsto entro le prime settimane di ottobre 2020, previo avveramento, in linea con la best practice per operazioni analoghe, di alcune condizioni sospensive a beneficio di Maps Healtcare; la seconda, pari a 1,5 milioni di euro, allo scadere del quinto anno dal perfezionamento dell’operazione, con applicazione di un tasso di interesse annuo pari all’1,5%, da corrispondersi con periodicità semestrale da tale data.

SCS è diventata una realtà di riferimento nell’Italia centrale ed in particolare nella Regione Marche, in cui si è aggiudicata una fornitura della durata di sette anni per tutte le strutture sanitarie pubbliche. La società ha registrato nel 2019 ricavi pari a 1,6 milioni di euro, EBITDA Adjusted pari a 0,54 milioni e una posizione finanziaria netta positiva per 0,5 milioni di euro. La società è contraddistinta da una significativa marginalità (34% di EBITDA margin nel 2019) rafforzata da bassissimi investimenti capitalizzati.

Al gruppo Maps l’operazione permette di ampliare ulteriormente l’offerta sanitaria, in particolare nella direzione dell’area clinica, e rientra nella strategia di crescita della società attraverso operazioni di m&a. A tal proposito il cda, riunitosi il 15 settembre scorso, ha approvato un contratto di investimento con Atlas Special Opportunities e Atlas Capital Markets, che prevede la possibile emissione di un prestito obbligazionario convertendo per un importo complessivo fino a massimi 5 milioni in più tranche, dotando il gruppo di uno strumento di finanziamento flessibile per supportare le operazioni di acquisizione.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.