Mediolanum, Dublino chiama Italia

Un problema per il Regno Unito, un’opportunità per il resto d’Europa. La Brexit si è mostrata da subito ai governi europei come un’occasione per attirare nelle capitali quelle le grandi società costrette a spostare altrove la sede da Londra per continuare a operare sul territorio comunitario. E se Milano finora è riuscita a intercettare solo una piccola parte di questo grande flusso, è stata Dublino la sorpresa più grande, complice un sistema fiscale accomodante e l’aver creato un ecosistema finanziario semplice ed efficiente. Passeggiando per le strade della capitale irlandese si percepisce il dinamismo del Paese in cui c’è un continuo fiorire di gru e cantieri e dove agli storici edifici in mattoncini rossi si affiancano i moderni buildings dei Docklands, l’area che ospita i colossi dell’hi-tech. In città realtà come Primark hanno trasferito l’headquarter mentre Microsoft, Facebook, Amazon e Google hanno trasformato il porto della città, ribattezzato Silicon Docks, in una piccola Silicon Valley. Nel complesso, l’Irlanda è al top della classifica continentale con una crescita 2019 stimata al 5,6% mentre i consumi privati aumentano, il debito pubblico (al 59% del Pil) è previsto in calo (al 52,6), così come la disoccupazione, già oggi al 5,2%…

Per proseguire nella lettura scarica il numero 132 di MAG

Mediolanum, Dublino chiama Italia

Noemi

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram