NB Renaissance, in due anni, investimenti per 700 milioni

È uno dei maggiori fondi di private equity che operano in Italia e in sei anni di attività ha investito complessivamente circa 2 miliardi di euro, offrendo co-investimenti per circa 400 milioni. Il fondo è nato nel 2015 attraverso lo spin-off dell’attività di private equity di Intesa Sanpaolo in partnership con Neuberger Berman, una delle principali società d’investimento indipendenti a livello mondiale.
Fra le ultime operazioni messe a segno da NB Renaissance, c’è l’acquisizione di Arbo, attivo in Italia nella distribuzione di ricambi per caldaie e sistemi di condizionamento.
Un investimento dettato da una visione precisa. «L’azienda ha un ottimo management che riteniamo di poter supportare attivamente in un percorso importante di crescita», spiega a MAG Stefano Bontempelli, co-fondatore e senior partner di NB Renaissance.

Quanto avete investito in Italia nell’ultimo anno e che tipo di operazioni avete portato a termine?
Nell’ultimo anno abbiamo investito in Italia circa 200 milioni di euro in due nuove operazioni: Sicit, leader mondiale nella produzione di biostimolanti per l’agricoltura, e appunto Arbo. Quest’anno abbiamo inoltre acquisito una partecipazione in Inetum, una delle principali aziende francesi di Information technology, un settore che conosciamo bene anche grazie alla nostra partecipazione in Engineering in cui abbiamo investito tramite il nostro ultimo fondo nel 2020. Complessivamente negli ultimi due anni abbiamo realizzato investimenti per circa 700 milioni.

E ora con il “residuo” di cassa che obiettivi e target vi siete prefissati? Avete in mente il lancio di un nuovo fondo?
Il nostro terzo e più recente fondo ha una dotazione di capitale di un miliardo di euro ed è investito per circa il 60%. Puntiamo a realizzare altri due o tre nuovi investimenti per poi lanciare il Fondo IV nel corso del prossimo anno.

Qual è il profilo “tipo” dei vostri investitori?
Dalla costituzione di NB Renaissance nel 2015 abbiamo raccolto circa 2,3 miliardi di euro da investitori che hanno consolidati programmi di private equity: fondi pensione, asset manager, banche, assicurazioni, family offices e endowment funds, principalmente in Italia, Europa e Stati Uniti. Nel corso degli ultimi anni abbiamo aumentato la raccolta in Italia, grazie al maggior interesse degli investitori italiani per il private equity da un lato e dall’altro al riconoscimento della nostra posizione nel mercato locale.

Clicca qui e leggi l’intervista completa su MAG 182

NB Renaissance, in due anni, investimenti per 700 milioni

eleonora.fraschini@lcpublishinggroup.it

Financecommunity.it

Lanciata nel maggio 2014, la testata si rivolge a bankers, fondi di private equity, operatori del real estatee SGR.
La testata, al livello di contenuti, si focalizza sul mercato finance, ovvero sugli spostamenti e cambiamenti di poltrona, le operazioni e relativi advisors, piuttosto che su approfondimenti e dati analitici sull’evoluzione del mercato.
 
Financecommunity.it ha visto crescere molto rapidamente il numero di lettori e di professionisti che intervengono e danno il loro contributo.
 

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

FINANCECOMMUNITY S.R.L. - Via Leone Tolstoi 10 - 20146 Milano–Tel.+39 02 36727659 - C.F./P.IVA 10160150966
REA 2510285 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 10.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram