venerdì 14 dic 2018
HomeCartolarizzazioniBim cartolarizza npl per 601 milioni e li cede ad Attestor

Bim cartolarizza npl per 601 milioni e li cede ad Attestor

Bim cartolarizza npl per 601 milioni e li cede ad Attestor

Banca Intermobiliare accelera sul deconsolidamento delle esposizioni deteriorate presenti in portafoglio avviando una cartolarizzazione di crediti deteriorati per 601,1 milioni di euro.

L’Operazione è in linea con gli obiettivi del Piano Strategico 2019-2021 approvato nelle scorse settimane e condiviso con il nuovo azionista di controllo Trinity Investment Designated Activity Company, che a seguito dell’opa chiusa alla fine dello scorso giugno fa capo ad Attestor Capital per circa il 70,63%.

L’obiettivo di Bim è diventare una banca capital light con un focus totale sul private bankin e un’attività creditizia con volumi contenuti e secondo politiche rigorose di valutazione del merito creditizio.

Nel dettaglio, la cartolarizzazione è avvenuta tramite cessione pro soluto del portafoglio dei crediti deteriorati a una società veicolo di nuova costituzione Nuova Frontiera SPV srl, che pagherà il corrispettivo a BIM entro fine dicembre, e che nel frattempo emetterà titoli asset backed di due diverse classi, una senior e l’altra junior. Entrambe le classi di titoli saranno sottoscritti per il 95% del valore nominale da Attestor Value Master Fund, mentre Bim sottoscriverà il rimanente 5%, nel rispetto della retention rule, per un controvalore dei titoli sottoscritti da Bim pari a circa 5,8 milioni di euro.

Il prezzo di cessione è stato fissato in 147,7 milioni, quindi a circa il 24,6% del nominale, in linea con il fatto che il portafoglio è prevalentemente rappresentato da esposizioni corporate e da esposizioni assistite da garanzie reali.

Il portafoglio crediti ceduto – prevalentemente rappresentato da esposizioni corporate e da esposizioni assistite da garanzie reali – è composto da 199 posizioni a sofferenza per un valore lordo complessivo di 482,5 milioni di euro; 92 posizioni classificate come inadempienze probabili per un valore lordo di 116,5 milioni e due posizioni recentemente tornate in bonis, per 2,1 milioni. Il portafoglio è

A seguito dell’operazione di cessione delle esposizioni deteriorate, gli Rwa del gruppo guidato da Matteo Colafrancesco (nella foto) rispetto a quelli al 30 giugno si ridurranno di circa 210 milioni, cioè il 19% in meno. Gli effetti patrimoniali poi, valutati insieme all’annunciato aumento di capitale di Bim in via di delibera per un massimo di 91 milioni, portano il patrimonio di vigilanza pro-forma della banca al 30 giugno 2018 a 154 milioni.

Nel deal Banca Imi ha agito in qualità di arranger mentre Prelios Credit Servicing come servicer del portafoglio; Securitisation Services come corporate servicer provider, computation agent, monitoring agent e RON, BnpParibas Securities Services come account bank, cash manager e principal paying agent. Il Comitato Amministratori Indipendenti si è avvalso del supporto di Kpmg per la redazione della fairness opinion.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.