Enti previdenziali, perché investono poco nell’economia reale?

di Nicola Barbiero*

Nei primi articoli di questo blog abbiamo alternato alle iniziali presentazioni alcune esperienze di “vita vissuta” tratte dal quotidiano. Questa fase introduttiva spero sia stata utile per conoscere meglio gli investitori istituzionali italiani che operano nel mondo della previdenza (primo, secondo e terzo pilastro). Iniziamo ora con un approccio hands-on per trovare una risposta alla domanda che molti si fanno in questo momento: perché questo tipo di investitori non investono nell’economia reale?

Replicare alla questione posta non è semplice ma cerchiamo di farlo: in primo luogo possiamo dire che le casse di previdenza (investitori istituzionali di primo pilastro) sono già attive nell’investimento in economia reale quindi, per questo caso, il tema non si pone.

Come non si pone per gli fondi pensione aperti e i Pip (investitori istituzionali di terzo pilastro) la cui gestione delle risorse, come abbiamo condiviso, viene delegata alla stessa società che promuove il fondo e per la quale sviluppare un investimento alternativo, per mezzo di strumenti non quotati, potrebbe portare a erodere parte la redditività derivante dalla gestione tradizionali degli asset.

Resta il grande imputato: il secondo pilastro rappresentato dai fondi pensione negoziali (di settore o territoriali). La risposta alla domanda iniziale è articolata per questo tipo di investitore e riguarda sia questioni di carattere finanziario sia scelte di natura più ampia effettuate dai diversi organi di governo (CdA). Se in quest’ultima fattispecie le scelte sono insindacabili e non giudicabili, più interessante approcciarci alle questioni puramente finanziarie e tecniche.

Si tratta di una molteplicità di temi che, principalmente, sono riconducibili alle diverse caratteristiche che si riscontrano tra l’operatività di un fondo pensione negoziale e quella di fondo alternativo. Divergenze che si possono e si devono, aggiungo io, limare mettendo entrambi gli operatori (asset owner e asset manager) nella condizione di parlare la stessa lingua e avere un allineamento di obiettivi.

Gestione dei flussi di cassa, trasparenza, valutazione dell’investimento, rappresentanza, costi, governance, questi sono solo alcuni delle questioni sul tavolo degli enti di previdenza complementare nell’approccio agli investimenti alternativi. Quali potrebbero essere le soluzioni?

 

*Cfo di un fondo pensione negoziale

 

 

Questo articolo fa parte del blog “Serve del catch up”, leggilo qui. 

Enti previdenziali, perché investono poco nell’economia reale?

Financecommunity.it

Lanciata nel maggio 2014, la testata si rivolge a bankers, fondi di private equity, operatori del real estatee SGR.
La testata, al livello di contenuti, si focalizza sul mercato finance, ovvero sugli spostamenti e cambiamenti di poltrona, le operazioni e relativi advisors, piuttosto che su approfondimenti e dati analitici sull’evoluzione del mercato.
 
Financecommunity.it ha visto crescere molto rapidamente il numero di lettori e di professionisti che intervengono e danno il loro contributo.
 

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

FINANCECOMMUNITY S.R.L. - Via Leone Tolstoi 10 - 20146 Milano–Tel.+39 02 36727659 - C.F./P.IVA 10160150966
REA 2510285 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 10.000,00 i.v.

Copyright 2021 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram