Gamenet sceglie le banche per l’Ipo

Saranno Credit Suisse, Banca Imi e Unicredit le banche che affiancheranno in consorzio  Gamenet Group, società di giochi e scommesse controllata dal fondo internazionale Trilantic Capital Partners Europe guidato da Vittorio Pignatti Morano (nella foto), nello sbarco in Borsa. L’Ipo è prevista entro fine anno.

La scorsa settimana la società, che nel 2016 si è fusa con Intralot Italia, aveva presentato a Borsa Italiana la richiesta di ammissione alla quotazione sul mercato MTA e a Consob la domanda di approvazione del prospetto. L’Ipo consisterà nella cessione di parte delle quote azionarie in portafoglio ai soci Tcp Lux Eurinvest sarl (con il 79,068%) e Intralot Italian Investments bv (con il 20%).

Gamenet, sotto la guida del ceo Guglielmo Angelozzi, ha chiuso il primo trimestre 2017 con 155 milioni di euro di ricavi, 17,4 milioni di ebitda e un debito finanziario netto di 177,8 milioni. Nel 2016 il bilancio si era chiuso con 537,5 milioni di ricavi, un ebitda di 70,2 milioni e un debito finanziario netto di 158,3 milioni.

Le stesse banche coinvolte nella quotazione avevano assistito la società lo scorso luglio 2016 nel collocamento di un bond da 200 milioni di euro a scadenza 15 agosto 2021 e cedola 6% quotato alla Borsa del Lussemburgo, che è andato a rifinanziare il bond da 200 milioni emesso nel luglio 2013 con scadenza 2018 e cedola 7,25% e quotato all’ExtraMot Pro, per il quale il gruppo aveva lanciato un’offerta di acquisto. 

 

Gamenet sceglie le banche per l’Ipo

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram