Scm Sim, difesa e contropiede per i grandi patrimoni

Primo, non prenderle. Poi, giocando di rimessa, si prova a fare gol. Il compito di un family office può essere riassunto brutalmente ricorrendo a questa metafora calcistica. La priorità è tutelare il patrimonio del cliente, soprattutto in un periodo di incertezza e di turbolenza sui mercati finanziari come quello che stiamo vivendo dal febbraio scorso, allorché il coronavirus Covid-19 ha messo piede in Europa.

Antonello Sanna (nella foto) è fondatore e amministratore delegato di Solutions Capital Management (Scm), società di intermediazione mobiliare quotata sul mercato Aim di Borsa Italiana, con sede a Milano e uffici a Roma, Bergamo, Piacenza, Latina e Vicenza. Sanna forse non gradirà il ricorso alla similitudine pallonara per descrivere il suo lavoro: è appassionato di ciclismo e la prima parte della conversazione è un susseguirsi di chilometri (migliaia) macinati ogni anno sulle due ruote, salite, discese e la confessione di essere diventato dipendente (“E’ una droga”) durante il lockdown da un’app che consente di simulare un percorso su Apple Tv mentre si pesta sui pedali sui rulli nel salotto di casa.

In questa intervista, Sanna parla dell’attività di gestione di portafogli, dei club deal a supporto di startup e scaleup e di una nuova gamba di business legata ai crediti fiscali….

Per proseguire nella lettura dell’intervista, scarica il numero 149 di Mag

Scm Sim, difesa e contropiede per i grandi patrimoni

Noemi

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram