Webuild colloca bond per 200 milioni. Le banche dell’operazione

Webuild ha collocato titoli obbligazionari, riservati a investitori istituzionali, per un importo nominale complessivo di 200 milioni di euro, con un prezzo di emissione di 102.

BofA Securities, Goldman Sachs International, IMI–Intesa Sanpaolo, Natixis e UniCredit Bank hanno agito in qualità di joint lead manager, e Banca Akros ed Equita Sim hanno svolto il ruolo di co-manager.

L’emissione, si legge in una nota della società guidata da Pietro Salini (nella foto), va a consolidarsi in un’unica serie con i precedenti 550 milioni di euro emessi il 15 dicembre 2020, con scadenza 15 dicembre 2025, portando il totale del prestito obbligazionario a 750 milioni.

I bond saranno quotati al Global Exchange Market della Borsa di Dublino (Euronext Dublino), con regolamento previsto il 28 gennaio.

I proventi “saranno utilizzati da Webuild per rifinanziare l’indebitamento esistente”, allungandone la vita media a oltre quattro anni, incrementando la flessibilità finanziaria e riducendo il costo implicito medio del prestito obbligazionario emesso nel dicembre scorso.

Webuild colloca bond per 200 milioni. Le banche dell’operazione

Noemi

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram